armadiobase9.jpg
L’Armadio Base
4 January 2013
Fifteen forever
9 January 2013

Euforia da Saldi

Arrivo in ritardo lo so, ma non mi ero resa conto di quanto fosse necessario questo post fino a quando un’amica mi ha raccontato la sua esperienza da Tezenis, una specie di orda di cavallette che si portano via qualunque cosa, a prescindere da taglia, colore e bellezza del capo stesso.
Io non sono una compratrice da saldi, mi piace avere tempo per ragionare, mi piace non avere gente intorno, e se voglio comprare a prezzo scontato o faccio un giro il giorno prima (ormai i negozi che non sono catene ti fanno già lo sconto), oppure aspetto la pausa pranzo di un giorno feriale, poco dopo che i saldi sono già cominciati.
Non sono mai stata quindi la mattina del primo giorno di saldi nel marasma dove l’acquisto compulsivo raggiunge il suo apice:
  • non c’è tempo
  • costa poco
  • potrebbe servire perché si sa che tutto potrebbe servire
  • se non lo compro non lo troverò più
  • quella biondina lo sta puntando se lo metto giù lo arraffa lei
Se avete letto anche solo un libro della Saga di I Love Shopping (il film non vale, di bello ha solo i vestiti e i protagonisti, con la storia c’entra pochissimo, nemmeno la sciarpa era verde) sapete riconoscere il pensiero dello shopper compulsivo.
knick of time interiors

 

ny image
Se non siete capitate per caso su questo blog, e avete letto almeno qualche altro post oltre a questo, sapete che noi qui abbiamo imparato a fare acquisti in modo diverso:
  • comprare un vestito per come ci sta addosso, non per come sta sulla gruccia
  • comprare un vestito solo se ci sta a pennello, a meno di non avere abilità sartoriali eccelse
  • comprare qualcosa solo perché ci serve, e sappiamo con cosa abbinarlo
  • controllare la qualità e la composizione del tessuto, un maglione di viscosa e cotone a cosa ci serve se siamo freddolose?
selvfolgelig
de smitten
Con questo non dico che non dovete andare a caccia di saldi, persino buttarvi in prima linea alle 9:30 appena i negozi aprono il primo giorno (che ormai è già passato, ma vi può servire anche per i saldi estivi), ma non lasciatevi contagiare, pensate. Avete in mano un paio di leggings push up che avete sempre voluto provare e costano la metà? Comprateli, magari se non vi staranno bene li regalate a sorella-cugina-amica con una taglia in più o in meno di voi. Adocchiate l’abito di zara che vi piaceva ma non c’è la taglia e c’è troppa coda al camerino? Lasciate perdere, averlo in casa e non poterlo mettere vi darà solo fastidio e vi farà sotto sotto desiderare di avere un fisico diverso per poterlo indossare.
Ricordiamo un principio fondamentale: i capi scontati non sono gratis, non è che visto che costano poco, sono un affare, dovete prenderli. Acquistare tanti capi con questo criterio porta a:
  • avere un armadio pieno di cose che non utilizzate
  • avere capi che vi fanno sentire sbagliate perché non sono fatti per voi come taglia, modello, colore
  • avere tanti capi ma non saperli abbinare tra loro perché comprati senza porsi le solite domande
  • spendere tanti soldi, già perché tante cose inutili anche se costano poco sono comunque tante e sono soldi mal spesi perché non ammortizzati con l’utilizzo
ny image
vintage nostalgia
In fondo anche se ai saldi vi regalassero la roba a che pro portare a casa cose inutili? Si dovrebbe tenere lo stesso principio agli swap party, se porto a casa qualcosa che potrebbe essere utile, ma poi non la utilizzo la riporto allo swap party seguente. Così il mio armadio respira (un poco) e ha spazio per capi più adatti a me.
Quindi buoni saldi a tutti, ma con giudizio!

Leave a Reply