Come riconoscere la qualità di un capo
20 February 2019
Pellicciotti, finti e di peluche
6 March 2019

Lo stile francese: come ricrearlo per la propria forma del corpo

Abbiamo parlato a lungo di stili su questo blog l’anno scorso e ho preferito tracciare le linee guida e le modalità di abbinamento solo per gli stili più generici, quelli che non passano mai di moda e che sono facili da ricreare anche solo con qualche accessorio. Oggi però vorrei approfondire uno stile che mi piace molto e che dall’inizio della primavera inizia a trasformare il mio armadio: lo stile francese.

Lo stile francese non è altro che lo stile casual chic, con qualche regola in più. Io lo trovo molto bello perché è molto semplice, poco elaborato, si adatta alla vita quotidiana per via delle altezze dei tacchi e dei tipi di capi scelti, è fatto da capi che sono facilmente reperibili e richiama la bellezza naturale che tanto mi piace. Non lasciatevi ingannare dal “Mi sono infilata la prima cosa che avevo nell’armadio e non ho nemmeno spazzolato i capelli” perchè è solo un’idea che vuole trasmettere questo stile, come sempre dietro c’è studio e cura ma diciamo che il trucco è non farlo vedere.

Vi ricordo qui i suoi capisaldi ben conscia che, se volete approfondire, troverete molti post sull’argomento on line, perché quello che mi interessa è aiutarvi ad adattarlo alla vostra forma del corpo:

  • I suoi colori sono neutri: blu, bianco, nero. Si aggiungono cuoio, rosa pallido e rosso solo in piccoli cenni.
  • Attenzione ai singoli capi, poco shopping ma con qualità.
  • Le sue regole sono abbastanza rigide, se si può essere casual chic anche indossando un piumino invece lo stile francese non lo consente

fashionism

lifeimgyx

I suoi vestiti sono:

  • Jeans skinny senza strappi in color blu
  • Pantaloni skinny/a sigaretta molto slim neri, a taglio leggermente maschile in vita
  • Bluse morbide con bottoni
  • Blazer avvitato e svasato ma non troppo, con un solo bottone e rever abbastanza sottile
  • Maglietta a righe sottili, bianca e blu o bianca e nera
  • T-shirt bianca in lino o misto lino, morbida e leggermente trasparente
  • Maglioni girocollo morbidi e non oversize, di qualità
  • Un abitino nero molto dimesso
  • Trench beige chiaro (concesso in blu o nero, ma solo se avete anche il beige) in tessuto sottile e con cintura in vita
  • Borse rigide e strutturate, se non di gran marca che almeno lo sembrino
  • Ai piedi ballerine, sia dal taglio classico arrotondato che più squadrate ma non a punta (concessi i mocassini ogni tanto)
  • Sciarpe leggermente colorate o fantasia ma sempre molto sottili
  • Gioielli non presenti o molto minimali e di solito dorati
  • Labbra rosse o nude
  • Trucco naturale
  • Capelli ondulati

Katie Considers

Sezane

Anche se è uno stile che ha molti pregi, ha però alcune controindicazioni abbastanza marcate che lo rendono impraticabile per alcune stagioni e personalità:

  • Non sono concesse calze: mai, né sotto un abito o un pantalone a sigaretta. Non riesco a capire come sia possibile, io adatto quindi lo stile solo in mezza stagione e utilizzo le calze velate color carne che, se scelte del colore giusto, vi donano.
  • Non sono concessi piumini o cappotti pesanti, le francesi sembrano non avere freddo. Si vedono al massimo cappottini blu o beige rigorosamente dritti e aperti.
  • La lista dei capi è molto rigida, è difficile creare uno stile davvero francese con capi diversi, jeans svasati, ballerine e blazer che non creano lo stesso effetto
  • I colori sono molto limitati, e se non vi donano? Imparate a truccarvi meglio, infatti il trucco è molto importante in questo stile. Della serie c’è eccome, ma non si vede.

pin

New Darlings

E adesso vediamo come fare ad adattare queste regole per ogni forma del corpo perché, come avrete notato, molti di questi capi non donano a tutte le forme del corpo ma se questo stile vi piace molto si può sicuramente adottare con alcuni escamotage.

Donna a Pera: gli skinny per questa forma non sono l’ideale, se messi nel modo sbagliato possono ampliare i fianchi e metterli in evidenza e nemmeno le bluse larghe aiutano, quindi cosa fare? Non lasciare mai il blazer, ampliando le spalle e sottolineando leggermente la vita il look sarà più molto più armonico. Anche la maglietta a righe aiuta moltissimo, specie se con scollo a barchetta e anche i maglioni sarà meglio sceglierli con questo scollo, di colori chiari, non troppo lunghi o con piccoli spacchi laterali di modo che non si fermino sui fianchi.

Donna a Triangolo invertito: qui invece il punto debole è proprio il blazer, se decidete di utilizzarlo lo stesso che sia senza spalline ma con la parte terminale leggermente rigida di modo da ampliare i fianchi. La blusa con bottoni invece è molto utile, meglio tenerla un po’ sbottonata creando una bella V stretta ma profonda e, infilandola dentro il pantalone, potrete evitare l’effetto tenda. I maglioni, se girocollo, dovranno essere di tessuto molto morbido e sottile, e le righe orizzontali meglio se sono sottili e proseguono sino al collo senza lasciare la striscia bianca sulle spalle.

Donna a Rettangolo: Anche se non abbiamo problemi di sproporzioni, un look molto rilassato con capi molto morbidi non è l’ideale per una rettangolo. E’ importante usare sempre un jeans skinny o un pantalone a sigaretta della taglia giusta che non faccia pieghe, e scegliere i capi sopra con molta attenzione che non siano troppo molli o ampi. Ottimo il gioco di sovrapposizioni che creano sempre maglietta e blazer per dare volume e curve senza infagottare.

Donna a Clessidra: lo stile francese è ideato su una Clessidra poco formosa con curve presenti ma davvero poco marcate, per una clessidra standard alla Scarlett Johansson è più difficile gestire le curve con questo stile. Cercate sempre di avere un capo più morbido in contrapposizione a uno aderente quindi la blusa coi bottoni un po’ aperta andrà con gli skinny e la maglietta a righe un po’ più aderente con il pantalone a sigaretta. Utilizzate il blazer per smorzare le curve tagliandole e non insaccandole, quindi no al blazer dritto ma meglio se ben avvitato, sbottonato e di tessuto a contrasto con la maglietta o con il maglione che indossate sotto.

Donna a Mela: i colori in questo stile non sono utilizzati al meglio per voi, potete provare a creare il vostro stile francese con jeans chiari, pantaloni bianchi e maglioni più scuri oppure restare aderenti a queste linee guida utilizzando sempre il blazer per ridurre il torace, come fate con il cardigan, ma l’importante è che il blazer sia molto morbido e senza spalline.

Wearing It Today

Sezane

Nel momento in cui avete colto l’essenza dello stile francese sarete anche capaci di fare alcune modifiche per adattarlo a voi, come variando il modello dei pantaloni, il colore del blazer o del maglione, alzando i tacchi oppure osando una scarpa più invernale ma se volete mantenere l’allure francese bisogna prima partire dalle basi. A questo punto io sono pronta e trepidante per attendere il primo caldo e tirare fuori tutto il mio amore per lo stile francese. Ho individuato altri stili più particolari, vi interesserebbe se li approfondissi con qualche altro post? Sono il normcore, hipster, scandi cool, androgyne, lady like e riviera (questi ultimi due sono spin-off del bon ton), quale vi incuriosisce?