Bellezze vecchie e nuove a confronto
7 June 2011
Come vestire la Donna a Clessidra
10 June 2011

Aperitivo Fashion e incontro con blogger amiche

Alla fine, molto lentamente e anche un po’ in sordina, anche Genova si sta dirigendo verso la fashion mondanità. Ma visto che quello che si dice sui genovesi è vero (tremendamente oculati, non molto socevoli e lenti alle novità), credo che sarà un leeento processo.

 

 

Appena ho letto sul blog followpix di Anna Pitto che da Compagnia Unica in Via San Vincenzo si teneva un fashion aperitivo mi sono subito organizzata per andare, contattando anche l’unica altra blogger genovese che conosco, iaia di Just my tea cup e That’s mine! L’aperitivo era organizzato per la presentazione della nuova collezione di Pinko e il catering era offerto (ebbene si anche a Genova qualcosa è gratis, ma io non ci ho creduto finché non l’ho visto) dal ristorante Toro Sushi che ha da poco aperto nello stesso locale.

 

 

 

 

Se devo essere sincera, la cosa che più mi attirava era poter conoscere finalmente di persona bloggers con cui avevo scambiato commenti e discutere di quegli argomenti che ci legano. E dal Sushi Gratis!

 

 

Foto di Anna Pitto Followpix
Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Il negozio compagnia unica non è un vero e proprio negozio, ma si trova in un ampio spazio molto articolato con il soffitto vetrato. Ha risvegliato ricordi infantili in me e Iaia perché, quando eravamo ragazzine e si trascorrevano i primi sabati in centro con le amiche, lo stesso posto ospitava il grand central station, una commistione di negozi, gadget dei simpson, orecchini di latta, e valanghe di caramelle. Perciò è stato molto bello chiaccherare con lei e rievocare in mezzo a vestiti costosi, dove avevamo comprato la prima maglietta a ombelico scoperto(eh, si tutti abbiamo avuto 13 anni)!

 

Foto di Anna Pitto Followpix
Eccomi qui con Anna e Iaia

 

La cosa che più mi ha messo in crisi è stata la preparazione, dover uscire la mattina per andare al lavoro e trasformarmi per l’aperitivo. Ok, non è stato difficile come vestirsi da barbie, o come andare alla festa anni 80, ma sarei stata più tranquilla se avessi potuto nascondere i cosciottoni in un paio di collant neri e indossare il mio vestito nero! Dovendo optare per un look estivo ho scelto il bellissimo abito di diffusione tessile con le pennellate di colore, la mia neverfull danier pm, e le open toe di max e co (sempre trovate da diffusione tessile). Tali oper toe sono state però portate al lavoro in un sacchetto, sostituite per andare all’aperitivo e risostituite appena girato l’angolo dalle ballerine con le quali sono riuscita a rincorrere l’autobus.
Terminati i preparativi, sono andata all’aperitivo un po’ preoccupata di sentirmi un pesce fuor d’acqua, sollevata solo dall’idea che ci fosse anche Iaia con la quale mi ero già incontrata di persona. Per questo e per altri motivi l’aperitivo è andato molto bene. C’erano 4 modelle (ipermagre) che hanno sfilato con 4 vestiti della nuova collezione di Pinko, e una deejay e una violinista (iper magre e iper bionde) che contribuivano al sottofondo musicale. C’erano moltissimi vestiti, alcuni stupendi alcuni meno, alcuni abbordabili alcuni no. Non ho trovato niente che mi dicesse comprami subito, ma alcune cose che mi hanno detto “vieni a provarci nei saldi, sono tra solo un mese, e magari ci scontano a più del 20%.” E cosa più importante c’erano tanti vassoi di sushi che ci venivano offerti!

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix
Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Grazie a questo evento ho potuto conoscere la mia follower genovese: Anna Pitto che era fotografa dell’evento e gentilmente mi ha fornito le foto.
Ammetto spassionatamente di aver cercato di fuggire il suo obbiettivo per un po’, ma poi mi sono arresa e lasciata fotografare. Il che mi permette di farvi vedere gli errori principali che non avrei dovuto fare e rimpiangere di essere contraria a photoshop (quanto mi piacerebbe sfinarmi polpacci e caviglie!!).

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Foto di Anna Pitto Followpix

 

Avete presente la rubrica di Carla Gozzi su Style.it dove fa a pezzi gli outfit di chi si immola? Ecco io me lo farò da sola!
  • No alla posa inclinata, il fianco è ancora più evidente.
  • No alla borsa sulla spalla, nasconde il punto vita e nemmeno lasciata di lato, ingrandisce i fianchi.
  • No alla postura sghimbescia.
  • No al taglio di capelli che aveva bisogno di essere rinfrescato (mi sono decisa durante il ponte e mi sento molto meglio).
  • Si al mio orologio bracciale della Guess.
I nostri giudici più crudeli siamo noi stesse quindi mi fermo qui! D’alta parte se fossi stata alta, statuaria con chioma fluente non sarei qui a scrivere di come assecondare le forme del corpo. Beh magari ora che mi sono fatta vedere potrei cercare delle foto in cui mi sono impegnata al massimo per risultare credibile, o magari foto di qualche chilo fa, ma attente questo potrebbe rompere gli argini del mio ego.

Leave a Reply