Mi vedo brutta in foto: a cosa mi paragono
14 November 2018
Sconto per il Black Friday al Check-up dell’armadio
23 November 2018

Come vestirsi curate ma comode

Passiamo le serate a guardare avvocate che conquistano New York con tubini fascianti e tacchi a spillo, poliziotte con i capelli sciolti e stivali col tacco, sedicenni vestite da gala ogni giovedì sera e poi è normale che il nostro look quotidiano, che privilegia la comodità e la praticità, ci sembri sciatto e poco donante. C’è ancora quest’idea che per vestirsi “bene” bisogna essere eleganti, bisogna indossare i tacchi, bisogna essere scomode, dietro al vecchio adagio “Se bella vuoi apparire un poco devi soffrire”.

Non so voi ma io mi sono stancata di soffrire, di avere male ai piedi per il tacco troppo alto, il bruciore di stomaco per la gonna troppo stretta in vita, male alla spalla per la borsa scomoda, freddo per il cappotto leggero e mal di testa perchè i capelli sciolti sono più sexy ed è meglio non nasconderli in un cappellino. Io considero i vestiti come strumenti al nostro servizio, e come tali vanno scelti. Detto questo è assolutamente possibile vestirsi in modo comodo e pratico ma con capi che ci donano e uno stile che si rappresenti.

Seed Heritage

hellofashionblog

In questo post quindi volevo partire dai look più comodi in assoluto e “tirarli su” piano piano grazie a qualche dettaglio.

Partiamo quindi dalla comodità per eccellenza, la tuta. Mettiamo il caso che per via del vostro lavoro dobbiate o preferiate indossare la tuta e ripiegate sull’abbigliamento sportivo.

  • Per prima cosa è importante scegliere un abbigliamento sportivo che ci doni, nel post in questione potete trovare tutte le dritte sull’argomento, ma in generale ricordate che le regole dell’abbigliamento valgono allo stesso modo. Per la pera sarà importante scegliere un pantalone più svasato un fondo e una felpa che segni il punto vita, per la triangolo invertito una maglia scollata e un pantalone più chiaro, per la rettangolo un look più morbido e rilassato mentre per la clessidra qualcosa di più aderente e soprattutto niente felpe con elastico in fondo, anche la mela dovrà prestare attenzione a questo fattore e scegliere sempre maglie un po’ scollate.
  • Ma non ci fermiamo qui, anche in questo caso è importante fare degli abbinamenti che funzionino, quindi utilizzare non più di tre colori e richiamarli. Avete per esempio le sneakers nere, grigie e rosse, utilizzate gli stessi colori nel look, anche solo leggermente accennati. Vi conviene partire dalle scarpe perchè sono quelle ad essere spesso molto colorate.
  • A meno che il vostro lavoro non preveda di sudare costantemente non c’è ragione per cui non possiate truccarvi, un viso in ordine (anche con un trucco molto nude) e capelli curati tireranno subito su tutto l’insieme. Se poi volete osare un po’ di più ci sono molti trucchi per trasformare l’outfit da sportivo a sporty chic e li trovate nel post dedicato.
  • Ultima opzione non scartate completamente i vestiti e le gonne. Se vi donano molto e avete voglia di cambiare, un abitino molto sottile su un paio di leggings con sopra una felpa svasata non è una brutta idea, e nemmeno una gonnellina super sportiva con leggings e t-shirt. Certo magari è un abbinamento che vi “scalerà” qualche anno ma di solito è una cosa che non ci dispiace.

stephaniesterjovski

chelcienicolem

Passiamo poi al caso in cui il vostro abbigliamento debba essere molto comodo ma non sia necessario indossare capi sportivi perchè magari lavorate coi bambini, oppure in un magazzino, state molto tempo in piedi, vi sporcate facilmente e patite il freddo quindi il vostro look quotidiano è diventato: jeans, t-shirt, sneakers e pile/felpa. Anche qui valgono gli stessi consigli di sopra, ricordatevi dei vostri punti di forza anche in questi casi, quindi i jeans saranno più chiari se siete una mela, il pile avvitato se siete una pera e così via, ma vediamo altre opzioni.

  • Partendo dal basso, la cosa che tira di più su un outfit sono le scarpe, l’avevamo visto nel post sul vestirsi a punti. Sceglieremo quindi le scarpe con cura, se proprio devono essere sneakers non saranno da sport, ma da città, di colori che già utilizziamo e le laveremo o sostituiremo spesso per averle sempre curate. Potremmo orientarci su modelli più modaioli per far sembrare che il loro utilizzo sia più una scelta che una necessità e che siano più facili da abbinare anche a pantaloni diversi dai jeans come le Stan Smith.
  • Potremmo poi valutare scarpe alternative alle sneakers, come una oxford molto morbida con la suola in gomma, uno stivaletto senza tacco o un mocassino.
  • Estrema cura va poi data ai jeans, se sono la vostra divisa devono starvi molto bene, la taglia deve essere giusta e non devono esserci pieghe da nessuna parte. Le pieghe che si formano sul polpaccio o alla caviglia fanno sembrare il look molto sciatto. Si formano se il modello non è abbastanza elasticizzato o se l’orlo non è stato fatto e quindi si fermano sulla scarpa. Sarà importante scartare il jeans di colore molto chiaro, quasi celeste pallido perchè è davvero molto molto sportivo.
  • Dato che la maglietta di solito non da molti problemi possiamo scegliere una t-shirt carina, semplice e senza scritte, questo aiuta a dare un po’ più di serietà all’outfit e lo “adultizza” un po’. Questa dovrà adattarsi bene al nostro corpo, quindi prevedete degli spacchi lungo i fianchi di modo che non si fermi su di essi e modificate scollo e maniche di modo che valorizzino il seno e le spalle. Potete provare a fare queste modifiche da sole, io lo faccio spesso e non ho grossa esperienza di cucito, esercitatevi su una t-shirt low cost. Lasciate perdere le polo vi prego, il perchè l’ho spiegato qui.
  • Per coprirvi il pile è certo la soluzione più semplice e con elevato potere calorifico (l’ingegnere che è in me cerca di spuntare fuori), quindi se per voi è molto importante sceglietelo con cura, non accontentavi di quelli di Decathlon che al secondo lavaggio hanno perso la loro pesantezza, indagate negli altri negozi di sport o approfittate delle volte in cui sarete in montagna per trovare negozi specializzati.
  • Il maglione in realtà, specie il cardigan, può avere la stessa funzione del pile se lo comprate di qualità ma ovviamente si rovina più facilmente, quindi valutate solo nel caso in cui il vostro lavoro non preveda di sporcarsi molto.
  • Un’ottima alternativa, ma nella mezza stagione, è il blazer in tessuto felpa, magari mélange, che da una specie di atmosfera sportiva ma tirando tutto un po’ su.
  • A meno che non lavoriate in un asilo non trascurate gli accessori, un paio di orecchini o una collana sottile hanno un forte potere su tutto l’outfit.

afashionlines

pin

Sia che il vostro look super comodo sia la tuta o il jeans, non dimenticate il potere che ha la borsa. Certo se indossate leggings e sneakers con felpa colorata, una borsa in pelle stona un po’ (a meno che non sia nera) ma una borsa liscia opaca in tela senza dubbio va bene.

E il soprabito? Qui avete ampia scelta, ricordate che un cappotto tira subito su tutto, così come un trench, mentre un piumino o una giacca sportiva no, ma anche in questo caso sfruttate il trucco dei colori, se tutto è armonico e “pensato” nell’insieme risulterà certamente più gradevole.

Allora com’è il vostro outfit comodo per eccellenza? Io scelgo jeans super morbidi, sneakers bianche con stellina rossa e felpa con il cappuccio rossa.