L’Armadio Matematico
10 ottobre 2018
Mettere in ordine l’armadio
24 ottobre 2018

Combattere i pregiudizi

È normale, siamo umani e per questo siamo pieni di pregiudizi. Come somma del nostro vissuto ogni cosa che abbiamo fatto, visto o sentito ci condiziona e attraverso quel nostro metro di giudizio, parziale e soggettivo, giudichiamo gli altri.

Giudichiamo la vicina di ombrellone che ha la pancia, lo ha un po’ di ricrescita sulle gambe, giudichiamo le sconosciute sull’autobus per come sono vestite, la collega che mangia tanto a pranzo, l’amica che prende un’aperitivo alcolico prima delle 6, e spesso indugiamo a sindacare sulle scelte di vita altrui anche se di lui sappiamo poco. Tutto questo è normale e potremmo anche pensare che se i nostri giudizi restano nostri e se con questi non andiamo ad ammorbare gli altri non siano poi così dannosi.

quotesdaily

Io credo invece che il pregiudizio, base del nostro pensare e per molti versi inevitabile, sia uno dei grossi mali del mondo. Ci frena, ci lascia con una visione limitatissima della vita e ci impedisce di capire gli altri, di avvicinarli e anche di provare cose nuove e vedere i nostri problemi da un diverso punto di vista. Lo so, è inevitabile avere pregiudizi ed è normale che sia così, ma quello che possiamo fare è riconoscere almeno che sono pregiudizi. Non comportiamoci come se le nostre idee fossero verità assolute “se hai le gambe grosse non devi metterti la gonna”, un assolutismo, detto come se dal cielo piovessero fulmini se indossi una gonna e hai le gambe più formose di Heidi Klum. Quanta differenza c’è nel dire che “secondo me con le gambe grosse la gonna non sta bene”, c’è la possibilità di cambiare idea, c’è il riconoscere che io con il mio vissuto ho un certo pensiero, ma non penso che sia legge e magari posso anche presumere che pur non vedendomi bene con la gonna sono influenzata da come mi hanno cresciuto o da quello che vedo in tv.

livinglife4u

Penso che i pregiudizi vadano combattuti dall’interno, e ve lo dice una che è piena di pregiudizi. Come potrei non esserlo? Anche se mia madre mi impediva di guardare “Non è la Rai” sono crescita con l’idea che se le mie gambe erano grosse era colpa mia, non facevo abbastanza sport, mangiavo troppo, non ero abbastanza carina e sicuramente non saprei piaciuta a un bel ragazzo per via di quelle gambe. E poi… ops, all’età di 35 anni mi faccio una foto e scopro che le mie gambe sono normali, che le ho per decenni paragonate a quelle filiformi di una sedicente amica che mi chiamava pachiderma e mi diceva che ero “morbidosa”. Sono piena di pregiudizi verso di me e verso gli altri, ma mi sforzo ogni giorno di andare oltre a questi, di immaginare quello che non so delle persone che sono portata a giudicare, di accantonare i primi pensieri e farne seguire altri.

tumblr

I pregiudizi sono ovunque, in ogni campo, combatterli è molto difficile, per anni ho combattuto nel dimostrare che valevo quanto un uomo in uno dei campi più maschili che ci sia come l’edilizia. Anni in cui sono stata chiamata “signorina” il più delle volte, “architetto” ogni tanto, ma mai ingegnere. Pensavo che fosse mio compito combattere, aprire la strada, per un futuro migliore delle donne in ogni campo.

Non ho lasciato perché era diventata troppo dura, ho lasciato perché combattevo per il gusto di combattere e non per difendere il diritto di fare un lavoro che amavo. Sono sempre stata così, sin da bambina, ma mi ripeto, i migliori risultati nel combattere nel pregiudizi si hanno dall’interno, e allora perché noi non cerchiamo di scardinare tutte quelle convinzioni che allontanano gli altri e non iniziamo a vedere oltre il nostro naso?

quotesdaily

0
  • Un bellissimo post, molto onesto . È facile a volte puntare il dito su chi ha pregiudizi, ma per migliorare occorre riconoscere prima di tutto quelli che abbiamo dentro di noi, nessuno escluso. Perché credo che avere pregiudizi sia assolutamente umano e naturale, tutti ne abbiamo. E metterli in discussione è segno di intelligenza. Cristina http://www.notimeforstyle.com

  • Mara

    i pregiudizi sull’apparire dipendono molto dalla cultura
    in Italia secondo me abbiamo molto inculcata una mentalità di stampo maschilista per cui la donna si cura per piacere all’uomo o per suscitare invidia nelle altre donne (mentalità di paese), per quello una donna curata e ben vestita suscita sguardi di disapprovazione o invidia perché viene giudicata superficiale, ma al tempo stesso la donna poco curata viene vista come una trasgressione alla cultura della “velina” con la quale tante ragazzine, oggi giovani donne, sono cresciute
    difatti qui la cultura “radical” impone anche, secondo me, un aspetto tendenzialmente trasandato
    la cosa più triste è poi da quello che leggo in giro, sostanzialmente una volta che la donna ha esaurito la sua “funzione riproduttiva” deve chiudersi in un triste stile monacale con capelli corti con qualche brutto taglio che ammazza la femminilità, la tinta no perché fa finto, tacchi bassi, gonne lunghe, zero trucco e guai a pensare che una donna di 50 anni o più possa desiderare di sentirsi seducente o peggio piacere agli uomini!
    in Francia invece per esempio la gente è molto attenta alla cura della persona intesa come essere molto in ordine e girare sciatti è visto come una forma di maleducazione e influisce tantissimo su come le persone ti trattano
    poi ci sono i Paesi nordici dove ognuno fa un po’ come vuole o gli Stati Uniti dove ci si veste come ci si sente, infatti le turiste americane spesso le vediamo vestite in modi che qui farebbero scandalo, per esempio shorts e gambe con cellulite