youtube_peragonne2.jpg
You Tube: Gonne per la Donna a Pera
21 gennaio 2014
youtube_perapantaloni.jpg
You Tube: Pantaloni per la Donna a Pera
23 gennaio 2014

Come mi vesto se soffro il freddo al collo e alla gola

a1sx2_Thumbnail1_freddocollogola07.jpg

a1sx2_Thumbnail1_freddocollogola07.jpg

Quando ho iniziato a scrivere questo post ho pensato non solo chi patisce molto il freddo alla parte alta del corpo ed è spesso soggetto a mal di gola, ma anche a chi, come me, soffre di cervicale e mal di testa muscolo-tensivi.

a1sx2_Thumbnail1_freddocollogola07.jpg

La soluzione è ovviamente: Sciarpe, ma quali sciarpe? Annodate come?Di che materiale?
b2ap3_thumbnail_freddocollogola08.jpg
1 + 2
Per prima analizziamo il problema da diverse angolazioni: la sciarpa deve coprire la gola sì, ma deve arrivare alta, fin sotto il mento, magari anche un po’ sopra. Quindi deve essere una sciarpa lunga, di modo da poter essere annodata più volte, ma anche morbida per non irrigidire la zona (e qui entra in gioco la cervicale), e riempire tutti gli spazi. Il materiale può essere vario, dalla lana, al cachemire all’acrilico, ma deve appunto essere morbido.
La sciarpa andrà annodata dentro al soprabito, non sopra, altrimenti non arriverà a tenere il collo caldo. I metodi di allacciatura più caldi sono il semplice giro più volte intorno al collo, che garantisce di arrivare fino al mento, e il simple-knot con cui si indossano di solito le pashmine, che scalda più la base del collo e la scollatura.
Perché la sciarpa faccia il suo lavoro però non è detto che debba essere sempre enorme, ma la sua dimensione sarà inversamente proporzionale all’ampiezza dello scollo del vostro soprabito. In parole povere, se il vostro cappotto è accollato e con colletto abbastanza alto anche una sciarpa meno voluminosa farà il suo dovere. Se invece sapete che, anche chiudendo completamente il vostro piumino, il collo non è sufficientemente coperto sarà la sciarpa a dover ampiamente sopperire.

Gli scalda-collo non possono essere ovviamente molto accollati (o non vi entrerebbero dalla testa), e quindi anche loro hanno bisogno di un cappotto che si chiuda bene e li avvicini al viso.

Apro ora il capitolo cervicale, chi soffre il freddo si ritrova a girare per la città con “le spalle alle orecchie”, relativa schiena ingobbita e collo teso. Questo lo facciamo soprattutto per ridurre la zona esposta al freddo, provate: con spalle contratte e sollevate, una porzione minore di collo spunta dai vestiti. Ovviamente il risultato è: dolori lancinanti a schiena e testa. La sciarpa, alta grossa e che vi arriva fino al mento può limitarvi un poco questa postura errata perché, anche se la assumerete inconsciamente, ricordandovi che non è necessaria e che la sciarpa sta già facendo quello che intendevate fare voi, potrete rilassarla.
a1sx2_Thumbnail1_freddocollogola05jpg.jpg
Spalle alle orecchie su Lookbook
Ad aiutare ci sono ovviamente anche i maglioni collo alto, che consentono di preservare il collo da tutti gli spifferi, ma non prescindono dall’utilizzo della sciarpa anche se avrete meno l’ansia di controllare che ogni dettaglio del vostro collo sia coperto. Il collo alto purtroppo non funziona per tutte, sia perché chi ha molto seno se lo ritroverà raddoppiato, sia perché a volte riscaldare troppo questa zona negli ambienti chiusi può provare ancora di più infezioni alla gola.

Da evitare è però la maglietta collo alto sotto al cardigan o il maglione a v, non sta bene a Wolowitz, e nemmeno a voi, se il vostro collo ne ha proprio bisogno mettete un maglione collo alto sopra di modo che non si veda.

a1sx2_Thumbnail1_freddocollogola10.jpg
stylesight

Il ciclo “Dove avete freddo?” è finito, era partito per essere un unico post e ne sono venuti fuori molti. Come sapete mi sto concentrando sui video, ma se avete qualche altra richiesta (che non sia abiti da sposa o gravidanza, entrambi argomenti che voglio affrontare ma di cui non ho ancora abbastanza esperienza), scrivetelo nei commenti, anche perché presto inizieremo il capitolo Abbinamenti.

0
  • Anonimo

    Ahahah… Sono proprio curiosa anche io.. Da poco ho iniziato a guardare ogni tanto “chi veste la sposa-mamma contro suocera” e mi diverto troppo a capire le forme del corpo delle sposine e credo di riuscire a vedere cosa davvero sta bene addosso ad ognuna… E pensare che non mi sono mai interessata all’argomento… Sarà la vecchiaia??? Baci Francesca mamma full – time

  • Anonimo

    Io un modello del genere (soprattutto il primo, il secondo è già più tecnico e meno comune) lo metto con la sciarpa dentro (anche abbastanza voluminosa, ma morbida come scrivevo) e non lo chiudo completamente. E questo perchè anche se lo chiudessi e mettessi la sciarpa fuori mi resterebbe comunque un vuoto tra la gola e il cappotto e quindi non sentirei il collo coperto.Come scrivo ovviamente questo è un modo di scaldare il collo al suo massimo, e fa molto bene anche per chi soffre di cervicale rendendo un po’ più sostenuta questa zona, chi non ha questo problema magari non patisce il fatti di avere appunto uno spazio vuoto tra giacca e collo.

  • Anonimo

    Un chiarimento: quando dici un maglioncino con scollo a V abbianato con sotto una maglietta con scollo a barchetta intendi in modo che la maglietta sotto non si veda? altrimento l’abbinamento scollo a V+ scollo tondo mi sembra facciano una sovrapposizione di scolli piuttosto brutta…I lupetti sotto cardigan o giacche a mio avviso invece sono molto carini, mi sa che qui più che in discorso di forme del corpo si entra in un fattore di gusti personali. Al massimo si può pensare che donino di più a chi ha il collo più slanciato e un fisico più minimale. Francesca

  • Anonimo

    Forse c’è stato un disguido, lo scollo a barchetta non è tondo, è dritto, piatto, come il profilo di una barca, e quindi spunta tutto il triangolo bianco da sotto il maglione.

  • Anonimo

    Ma allora anche lo scollo rotondo è poco gradevole sotto quello a V? E in ogni caso, per rispondere a Francesca, qualunque maglia si metta sotto il bordo si vedra’: lo scollo a V in quanto tale lascia tutto a vista… Anna, con tutte queste sovrapposizioni di forme non ci capisco più niente… urge un tuo articolo con foto dove far chiarezza:) Sarebbe davvero utile per confrontare i vari effetti, anche per tipi di sovrapposizioni diverse.

  • Anonimo

    Sì quello rotondo accollatissimo è un po’ tanto sportivo e non sta molto bene in gererale, quello tondo più ampio sta bene sotto ai cardigan, sotto quelli a v non molto. Sotto quello a v stanno bene quello a barchetta e la camicia, ma dipende dalla profondità della v… Sì mi sa che dovrò approfondire con i post sugli abbinamenti 😉

  • Anonimo

    Interessante il vostro botta e risposta in seguito alla mia epifania! 😀 mi rendo conto di essere proprio una niubba in materia di abbigliamento e abbinamenti nonostante la mia età, per fortuna che c’è Anna! (Ma grazie anche a Silvia che mi ha parzialmente rincuorato ahahah). Comunque penso che non riuscirei più a fare certi abbinamenti alla The Big Bang Theory come ho fatto in passato, e ciò anche grazie a questo blog!

  • Anonimo

    Aiuto, sì, a questo punto mi re-inserisco per chiedere un post sugli abbinamenti con foto dettagliate! 😉 anzi ci vorrebbe anche un post su tutto ciò che è bene evitare, a prescindere dalla forma del corpo… Così me lo stampo e me lo appendo nell’armadio! ^^

  • Anonimo

    Io di solito sotto al cardigan con scollo a v o metto le canotte(carine possibilmente) o maglie con scollo a barchetta, le maglie a collo alto invece sono abbastanza bruttine da vedere a meno che non si tratta di capi molto belli(e generalmente costosi) per fare un esempio maglia collo alto di zara e cardigan a v di tezenis non funzionano per niente :S

  • Anonimo

    Ma non ho capito cosa di sbagliato c’e’ con le maglie a collo alto 🙁 Non mi sembro troppo ingoffata con loro addosso, ma ammetto che non so giudicarmi oggettivamente guardandomi nello specchio. Ammetto che cerco di imparare a vestirmi, ho bisogno delle norme, ecco perche’ cerco vari informazioni sulla Rete, e nel tuo blog, gentilissima Anna, ho trovato quello che cercavo. Ma visto che vivo a Mosca (e sono russa, e chiedo scusa se faccio degli errori linguistici), ecco, il nostro clima non scherza, e c’e il riscaldamento molto forte, e ci sono anche I correnti d’aria fredda ogni tanto, e qua tu sei al caldo e poi esci e sei al freddo cane, proprio cosi’… Non so se mi sono spiegata.Ecco, non so come vestirmi se rinunciare alle maglie a collo alto 🙁 La soluzione sciarpa non e’ cosi’ semplice… Cosa mi consigleresti, cara Anna?E grazie a te per il tuo blog, ti leggo e poi rileggo!Natalia (Mosca)

  • Anonimo

    Ciao Natalia, innanzitutto grazie per i complimenti che mi hai lasciato anche in un altro commento, è molto bello sapere che c’è qualcuno che mi segue da così lontano. Provo a spiegare meglio cosa intendevo, il maglione collo alto è molto bello, sta molto bene (anche se aumenta un po’ il seno) ed è anche un capo elegante. Quello che a me non piace è la maglietta collo alto in microfibra, messa sotto il maglione a v tipo così http://www.google.it/imgres?sa=X&rlz=1C1ASRM_enIT554IT554&espvd=210&es_sm=93&biw=1280&bih=939&tbm=isch&tbnid=UNxHwVjZcz89-M%3A&imgrefurl=http%3A%2F%2Fthinkoutsidethepurse.wordpress.com%2F2012%2F03%2F25%2Fhoward-wolowitz-from-the-big-bang-theory-is-my-fashion-icon%2F&docid=zek180UVi_Q3-M&imgurl=http%3A%2F%2Fthinkoutsidethepurse.files.wordpress.com%2F2012%2F03%2Fhoward_1.jpg&w=800&h=1200&ei=93rrUtmqDcbW4gTMlIC4AQ&zoom=1&ved=0CGkQhBwwBg&iact=rc&dur=269&page=1&start=0&ndsp=30Dato però che tu abiti in un paese molto più freddo dell’italia, se lo fai è un “peccato veniale” 😉 e puoi comunque aggiungere sopra una sciarpa sopra per nasconderlo 😉

  • Anonimo

    Si’ concordo anch’io, d’inverno mi metto dolcevita sotto il cardigan, oppure sotto I vestiti di lana, e ANCHE la sciarpa che poi al ufficcio tolgo… Ma non so se quello che faccio mi sta bene o non troppo. Sicuramente sono salva dal mal di gola. Poi non ho troppo seno – terza B secondo me non e’ molto. Insomma, non so. Quando fa davvero freddo, ci vedo ogni tanto ragazze coi pantaloni da sci, e ci sono altre, coi collant sottili sulle gambe livide dal gelo…ecco com’e’ a Mosca d’inverno, altro che bellezza…Natalia (Mosca)

  • Anonimo

    Sono d’accordo con Antonietta, dipende forse da che maglia e’, ma questo non vale anche per gli altri capi?Per favore, posso chiedere un po’ di aiuto con la lingua? La maglia a lupetto e il dolcevita sono la stessa cosa oppure no?Grazie, ed I complimenti ancora ad Anna!Grazie, Anna!Natalia (Mosca)

  • Anonimo

    Sì lupetto e dolcevita sono termini per dire collo alto, in inglese si chiama turtleneck 😉

  • Anonimo

    Io indosso spesso il dolcevita sotto al maglione con scollo a v, che stia bene o meno secondo me dipende dai colori che si abbinanano. L’effetto Wolowitz è più una questione di colori che cozzano tra loro che altro. Inoltre ricordo che alcuni anni fa andavano molto i twin-set. Si componevano di un maglioncino a collo alto (spesso con la manica corta) abbinato a un cardigan dello stesso colore. Il cardigan a volte era girocollo, altre volte era con lo scollo a v. A me sembra che i twin set siano abbastanza eleganti, quindi in quel caso l’abbinamento scollo a v e collo alto si può fare.Ale

  • Anonimo

    Però i twin set sono di maglia non di microfibra o cotone e sono portati sotto a cardigan e sono sempre dello stesso colore. Quello che io contesto sono le magliette in microfobra sotto i maglioni a v, che secondo me non stanno affatto bene.

  • Anonimo

    Ciao Anna, ho letto con molto interesse questo post dedicato ai maglioncini a collo alto che anche io qualche volta uso. Ti chiedo cortesemente di indicarmi quali sono i sotto giacca, io alle volte uso i dolcevita in microfibra, veloci da lavare ed asciugare ma a quanto capisco non sono molto adatti. Ho perso però di vista i sotto giacca, mi illumini per cortesia? Se non capisco male sotto ad un maglioncino con collo a V è meglio mettere una maglietta a girocollo mentre sotto ad una giacca va bene anche il dolcevita, giusto????? Grazie e a presto, Alessandra

  • Anonimo

    Ciao Alessandra,diciamo che sotto a una giacca può stare tutto ciò che si vede spuntando e che sono di tessuto sottile, quindi non un maglione a v profondo, ma uno collo alto o con scollo tondo o una maglia in microfibra collo alto sì.La maglia in microfibra collo alto, sotto a una giacca è arricchita dal reverse della giacca, e anche l’eleganza della giacca la “tira sù” come stile, invece sotto un maglione a v o un cardigan questo collo il microfibra risulta ben evidente e quindi si nota di più e rende il look più sportivo e se non si fa attenzione trasandato.

  • Anonimo

    Per favore gli abiti da sposa sarebbero il massimo, neppure un accenno? E come faccio se devo scegliere e non so cosa mi sta bene?

  • Anonimo

    Gli abiti da sposa hanno regole a se, e senza avere la possibilità di studiarli non posso scriverne. Se sei una clessidra o una pera è più facile, puoi seguire le regole degli abiti in generale e usarli più lunghi, se invece se una mela o una triangolo invertito è molto complesso perchè gli abiti di solito evidenziano il torace, le commesse di questi atelier di solito però sono molto preparate.

  • Anonimo

    Per fortuna sono una clessidra poco formosa/pera magra. Da quel che ho letto in giro quelli più indicati sarebbero gli abiti a sirena o A-line, però essendo alta 1.60 mi chiedevo se un modello accorci la figura più di un altro, e se sia il caso di prenderli entrambi senza spalline o cmq piuttosto scollati. Il fatto è che pensavamo di sposarci a dicembre e quindi o lo prendo con le maniche lunghe o lo devo abbinare con qualche coprispalle, scialle o che altro e questa cosa mi sta mandando in crisi (anche se dove abito io ci sono 10-15° max in inverno ma devo comunque mettere su qualcosa!). Non metterei velo perchè non mi piace moltissimo e perchè pensavamo di sposarci in comune.Comunque grazie.

  • Anonimo

    Io direi che sono più indicati quelli svasati rispetto a quelli a sirena, in generale tutti quelli che si allargano molto però abbassano, meglio magari una svasatura semplice e non dal barbie regina delle nevi (che io adoro ;)). Anche il modello quasi a barchetta ti dovrebbe stare bene, o mediamente scollati.

  • Anonimo

    Grazie mille per la risposta. Vediamo che mi consigliano le commesse, tenendo comunque a mente queste indicazioni.

  • Anonimo

    quindi fammi capire,io ho sempre messo il lupetto a collo alto e sopra una maglia con lo scollo a v e ho sempre sbagliato?che delusione,mi sembrava di star bene,pensa un pò,comunque aver nominato wolowitz mi aiuterà a ricordarlo grazie ! 🙂

  • Anonimo

    Ok te ne sai una più del diavolo. Son 12 anni che lavoro e la mia divisa invernale era maglione con scollo a v o tondo + lupetto. Poi arrivi te con questo post e stò wolowitz vado a cercar su google le foto e……decido di provare maglie a barchetta sotto e in caso foulard….Te non ci crederai ma ho iniziato a ricevere complimenti x come mi vesto e lavorando a contatto con tanti clienti uomini mi danno perfino diversi anni in meno!Mi hai fatto crollare una sicurezza comoda (secondo me) nel vestire!Penso che il prossimo passo sarà indossare un maglione leggero a collo alto che segua le forme (sono una pera )senza sentirmi a disagio!Cmq Grazieeeeeeeeeeee ; )