Modificare un capo che non ti dona
19 agosto 2011
Nascondere i difetto o evidenziarli
23 agosto 2011

Fare pace con il proprio corpo

Non c’è una ricetta per fare pace con il proprio corpo. Per ogni donna è diverso e anche se sa che dovrebbe amarsi per come è, inconsciamente può continuare a desiderare di essere diversa, più magra più alta, con più o meno seno, le caviglie sottili e il bacino piccolo come un bimbo di 12 anni.

 

 

Focalizzarsi sui propri pregi e non sui difetti aiuta, curare il proprio aspetto e l’alimentazione anche. Talvolta fare sport, aumentando la consapevoltezza che nelle cosce c’è anche potenza e non solo ciccia, può far scattare la molla dell’accettazione. Talvolta un ragazzo che ci vede più belle di quando ci vediamo noi stesse, e ci fa i complimenti per le nostre gambe che a noi sembrano ingombranti e cellulitiche può far si che ci guardiamo con altri occhi.

 

 

Per ognuna è diverso e per me è stato questo blog. D’improvviso sono arrivata a pesare di nuovo quanto pesavo 3 anni fa, prima dell’assunzione di farmaci che mi avevano rapidamente gonfiato di 8 chili. E mentre seguivo la dieta della nuova nutrizionista e programmavo l’esame per le intolleranze ho pensato: “Magari riesco a far partire il mio metabolismo super bloccato e butto giù un po’ di sedere e di cosciottone!” e subito dopo: “Ma no, se lo facessi poi le ragazze che mi seguono cosa penserebbero di me? Non sembrerei più tanto una donna a pera, e non sarei più io, Anna Venere, che cerca un modo per vestirsi bene anche con il suo importante sederotto.” Così ho capito che il sederotto fa parte di me più di tante altre cose, mi caratterizza e mi ha fatto diventare come sono. Quindi non me ne devo vergognare, non devo mandarlo via, o nasconderlo quando viene mia zia che lo critica sempre ma ne ha uno più grosso del mio. E chi di vuoi è riuscita ad accettare il proprio corpo che cosa è riuscito a farle cambiare modo di pensare?

 

0
  • Anonimo

    Partendo dal pressupposto che forse il mio corpo non lo accetterò mai, e convivo con peso yo yo causa tiroide ormai da un bel po’ di tempo, devo dire che una svolta l’ho avuta proprio con il mio attuale fidanzato, che ormai da più di un anno a questa parte mi fa sentire bellissima, anche quando, oggettivamente, non lo sono. Cercare di vedermi attraverso i suoi occhi è stata una grande terapia, anche se, come mi ripeto spesso, non basta, l’accettazione completa deve partire da noi stesse.Il tuo blog mi piace sempre moltissimo!Alessandra

  • Anonimo

    Brava Anna :)Per quel che mi riguarda sono state diverse le cose che mi hanno fatto davvero apprezzare il mio corpo a mela e annessi rotolini di ciccia, cellulite, smagliature etc.1- Il mio fidanzato 🙂 Non ho ancora capito come faccia a sostenere che il mio sedere è bello, ma a quanto pare a lui piace, quindi perchè vergognarmene? ;)2- Essere ingrassata di colpo pochi anni fa. Mi ha fatto rivalutare completamente il mio fisico precedente, facendomi capire quanto in realtà io fossi magra, pur sentendomi una cicciona. Non lo ero! Non sono e non sarò mai longilinea, ma ora che il mio peso è di nuovo sotto controllo riesco ad essere più oggettiva ;)3- Pensare alle persone sempre a dieta. Che stress! Se mettiamo sul piatto della bilancia passare la vita a dieta e la ciccia, sceglierò la ciccia senza esitazione. Mi mette tristezza pensare che c’è chi valuta quante calorie ha un chicco d’uva prima di mangiarlo e non si concede mai uno strappo. 4- Ultimo ma non ultimo, imparare a vestirmi meglio. Smetterla di infagottarmi in maglie extralarge, felpe e roba sportiva, costumi interi, jeans troppo stretti, etc. E smetterla anche di guardarmi i piedi quando cammino, di stare tutta storta, giusto per semprare solo più bassa e larga!

  • Anonimo

    bravissima anna!bellissimo post…io sono ancora anni luce dall’accettarmi (causa del mio ingrassamento spropositato negli ultimi anni)però ce la farò prima o poi…le tue parole sono state un toccasana

  • Anonimo

    @Alessandra Pepe & scornavaccailenia: grazie per i complimenti. Non tutte riescono ad accettarsi, ma il fatto di volerlo e di essere consapevoli(a livello conscio anche se non inconscio) che il nostro corpo va bene così porta sulla strada giusta! @Chiara: anche a me essere ingrassata(e con difficoltà ri dimagrita) mi ha fatto ricredere sul mio corpo, sono cresciuta con amiche estremamente magre e ciò ha un po’ falsato l’idea del mio corpo.

  • Anonimo

    @Anna, a chi lo dici, le mie amiche piuttosto faticano a mettere su qualche chilo! Io poi da bambina ero magra come un chiodo, l’adolescenza è stata un vero trauma, vedermi così diversa mi faceva sentire una balena :S

  • Anonimo

    La tizia in bikini della foto ha un fisico praticamente identico al mio, bacino largo, gambe magre (forse più magre delle sue nella foto non si capisce bene), punto vita presente appena appena (niente che valga la pena di segnare con una cintura) e spallotte importanti corredate da una terza di seno (che sembra normale/piccino sul busto ampio). Finora ho sempre pensato di essere una mela a 8 dici che ci ho preso? 🙂 Help me!

  • Anonimo

    In realtà la modella ha un fisico a clessidra, è la posa della foto a far sembrare le gambe dritte e il punto vita più largo. Se sei come ti sei descritta direi più mela che mela a 8 perchè la mela a 8 ha più punto vita e cosce dritte ma robuste.

  • Anonimo

    Grazie della risposta 🙂

  • Anonimo

    ciao, domanda fuori tema: mi chiedevo cosa ne pensi della depilazione intima? Mi sono posta la domanda in seguito a una battuta pesante ricevuta da una ginecologa scandalizzata dal mio essere depilata.Mi chiedo se la ceretta su gambe e braccia è accettata come mai quella sul pube fa subito spogliarellista? non è l’ennesimo pregiudizio?Anna

  • Anonimo

    Per prima cosa penso che le ginecologhe dovrebbero tenersi i commenti coloriti, ma esporre dal punto i vista medico.Io credo che quella sia già una zona delicata di suo, e che le cerette portano all’allungamento e rilassamento dei tessuti che non hanno muscolo (lì non c’è), e le creme sono pericolose in quella zona. Quindi un’osservazione medica può anche starci, ma non un commento colorito.Io non la farei, ma sono anche molto poco pelosa di mio (infatti ho pochi capelli) e non ne ho bisogno. In ogni caso non credo sia un pregiudizio, ma un osservazione su un eccessivo andare verso una “perfezione” del corpo, che magari qualcuno vede come una tortura auto inflitta inutile.