Errori più comuni: spezzare la figura nel punto sbagliato
28 marzo 2018
Come vestirsi con il piede lungo
11 aprile 2018

L’oxford Shoes che ti salva

L’ho sempre ammesso, non sono una persona che si lancia nelle novità e nei cambiamenti, sono sempre stata un tipo riflessivo, prudente, e questo si è sempre riflettuto sui miei vestiti. In fondo io non sono mica qui a insegnarvi ad essere all’ultima moda, anzi tutto in contrario sono qui per aiutarvi a valorizzarvi con abiti semplici, pratici e che risolvano molti dei vostri problemi. Se però a questa mia reticenza di fondo aggiungiamo una pregressa non proprio serena accettazione del proprio corpo il tutto si cristallizza a un guardaroba molto limitato. In pratica, fino ad almeno 3 anni fa io non indossavo gli skinny, credevo che la gonna andasse messa solo con stivali alti o décolleté per minimizzare il mio polpaccio grosso e caviglia da calciatore, e tolleravo giusto la balleina o il sandalo ma in estate, con il caldo afoso. Avevo insomma molte remore con la mia parte di sotto, fai fianchi al dorso del piede. Non che mi facessi problemi a coprirla o farla vedere se la stagione lo consentiva, avevo insomma assimilato il fatto che la gonna a ruota mi stava talmente bene che le mie gambe passavano in secondo piano, ma ero comunque convinta che fosse indispensabile utilizzare alcune accortezze e che certo capi visto che non mi valorizzavano non dovevo proprio indossarli.

careergirldail

Non c’è nulla di sbagliato in questo, è un passaggio che io ritengo salutare verso l’accettazione di sé, si passa da “sono orribile meglio che mi copra” a “Mmmh dai che forse con questi capi qui non sono tanto male” per arrivare solo dopo un po’ di tempo al “oh ma che carini questi pantaloni, è vero mi fanno il fianco più largo, ma mi piace come mi stanno, col maglione giusto non sono affatto male”. Se non avessi fatto questo percorso, se fossi nata a Pera ma felice di esserlo e orgogliosa del mio sederone non avrei nulla da insegnarvi, e non avrei alcuna empatia per chi invece ancora non si piaccia.

parkandcube

Ma veniamo a quel momento di 3 anni fa in cui ho deciso che volevo cambiare look e ho deciso di provare capi che fino a quel momento avevo considerato miei nemici. Devo ammettere che ci è voluto coraggio e tempo ma grazie a quel percorso ho scoperto le Oxford shoes, le scarpe stringate senza tacco modello da uomo. Comode, perfette per la pioggia più fine, adatte sia all’inverno genovese (basta utilizzare un calzino in lana) che alla primavera e all’autunno. Ho deciso di scriverci un post semplicemente perché quando si parla di scarpe comode e carine o scarpe da gonna nessuno si ricorda di loror. Non ci pensavo nemmeno io che temevo che una scarpa un po’ accollata avrebbe enfatizzato caviglia e polpaccio e non sarebbe stata adatta a molti abbinamenti, cosa ho fatto quindi per vedere se sbagliavo? Ne ho acquistata una a prezzo molto vantaggioso nella quale stesse il mio plantare e che fosse di un mio colore base, blu in saldo da Promod a 18€. Avevo già acquistato un paio di stivali blu sia con che senza tacco e il mio armadio stava virando in quella direzione… Beh, da quando le ho acquistate gli stivali sono rimasti nell’armadio e quest’autunno ne ho scelte un paio nere, di qualità molto più alta e made in italy con suola in gomma molto spessa… Non volevo più indossare altro.

Ma visto che questo non è un post proporzionale e nessuno mi stipendia per convincervi ad acquistare delle oxford shoes vorrei analizzare con voi tutti gli abbinamenti che potreste fare con questa scarpa di modo che se vi state chiedendo come vestirvi ora che fa più caldo, ma vi serve qualcosa di comodo pratico e leggermente formale potete avere la soluzione.

aclotheshorse

Dal nostro piccolo excursus sugli stili possiamo facilmente capire che la oxford shoes anche se è un capo prettamente casual chic, cioè rubato al guardaroba maschile può essere molto Preppy/British e molto Romantica se accostata con capi di questi stili. Non è certo Bon Ton, ma può spezzare la rigidità di un abbigliamento molto bon ton se la scegliere molto liscia. La togliamo dall’armadio minimal perché poco modaiola e dallo sporty chic che vuole la sneakers ma la inseriamo sicuramente nel rock specie se per la suola alta o ampia ricorda un po’ le Dr.Martens.

1 + 2 + 3 + 4 + 5

Con che capi posso indossarla? Certo jeans e pantalone a sigaretta sono la scelta più ovvia, sia perché entrambi ricalcano lo stile casual chic sia perché lasciano la caviglia scoperta. Con questa scarpa infatti non dona in pantalone appoggiato che la nasconde, se scegliete i jeans che siano skinny, mum jeans, boyfriend o girl friend va sempre bene, basta che scarpa e orlo non si tocchino e che il malleolo sia visibile. Non mi piace molto l’abbinamento con i pantaloni culotte ma non è certo da scartare.

1 + 2 + 3 + 4

La meraviglia è però poterle indossare con la gonna e con il piede ben fermo e protetto, ma con caviglia e polpaccio che non sono fastidiosamente strizzati nello stivale, scorrazzare per la città con un outfit pratico e femminile. Le gonne con qui sta meglio sono quelle romantiche, svasate ma morbide, da non scartare l’abbinamento con una gonna a ruota molto rigida, che però deve essere “tirato giù” anche con l’aiuto di qualche altro capo (per esempio un maglione morbido). Le gonna a tubo o a matita proprio stona con questo modello di scarpe, la longuette plissettata che vediamo ovunque non sta male come stile, ma le gambe vengono accorciate un po’ troppo, per quanto suoni strano una gonna corta sta meglio senza tacco e con una scarpa maschile di una più lunga.

Viene molto utilizzato anche l’abbinamento con lo shorts, specie in inverno quando si aggiunge il collant, per richiamare due volte il tocco maschile nello stesso outfit (anche lo shorts è un capo rubato all’armadio maschile).

1 + 2 + 3 + 4

E le calze. Se volete andare sul sicuro: niente calze (o gambaletto color carne) quando la indossate con i pantaloni e collant dello stesso colore per quando scegliete la gonna. Sicuramente ormai ?avrete imparato il trucco che scarpa e calza uguali slanciano la gamba anche senza tacco, e in estete/primavera? Scarpa dello stesso colore della vostra gamba, cipria, beige o cuoio chiaro, in questo post scoprirete perché. Se invece non temete di allargare la gamba e vi piacciono gli abbinamenti più particolari scegliete gonna e scarpa dello stesso colore e giocate con collant molto più colorati a rombi (che richiamano lo stile preppy) o con pois e cuoricini (per avvicinarvi al bon ton o al romantico). Quando invece come me desiderate indossarle anche in inverno potete ripiegare o su un calzino dello stesso colore di scarpa e pantalone, di modo che non si noti, oppure su uno in lana, colorato o a trama, il trucco è richiamare quel colore sul vostro abbigliamento, meglio se sul maglione o su qualche altro accessorio. Inutile dirvi che il calzino fantasia ci ricorda moltissimo il college inglese se è sui toni della terra o lo stile rock se è più contrastato.

1 + 2 + 3 + 4

A questo punto se non vi ho contagiato con il mio amore per questa scarpa ditemi qual è la scarpa che vi salva in tante situazioni? Io nel frattempo vado a fare un giro on line per vedere se ne trovo una color cuoio.

0
  • per quanto le apprezzi sulle altre devo dire che non vado d’accordo con le stringate maschili, non riesco proprio a farmele piacere. non mi vedo bene i pantaloni che lasciano scoperta la caviglia, e quasto già toglie gran parte delle possibilità, e le gonne non le amo alla follia. le mie scarpe predilette per l’inverno sono gli stivali, specie di quelli che arrivano una decina di cm sotto il ginocchio, a tacco basso. ne ho diversi così. quelli sì, mi piacciono e mi sembra mi facciano la figura più slanciata, e li porto volentieri sia coi pantaloni (rigorosamente infilati dentro) che con le gonne e i vestiti. ma io non ho il problema del polpaccio grosso, e non mi danno senso di costrizione. amo alla folia anche gli stivaletti più bassi e gli anfibi DocMartens, ma devo dire che non sono così versatili come gli stivali. adesso mi dispiace che faccia già troppo caldo per indossarli ancora… in questo periodo passo alle scarpe da ginnastica. e in piena estate le Birkenstock, ogni volta che le circostanze lo permettano… chi se ne frega se son brutte, da quando le porto non ho più fastiidi ai piedi e le gambe non si gonfiano più.

  • Elisa

    Grazie a te ho riscoperto le gonne ma, per una serie di motivi (per lavoro sono in piedi, bambini da inseguire ecc), le indosso con scarpe basse … mi stavo chiedendo se commettevo qualche eresia … 😉

    • No anzi, meglio indossare le gonne persino con la sneakers piuttosto che non indossarle perchè pensiamo serva il tacco

  • monica

    Ciao Anna! Le trovo molto belle e versatili,ma su di me non mi convincono, mi fanno il piede lungo.
    La mia salvezza sono: Gli stivaletti d’inverno e le Birkenstock d’estate. nella stagione di mezzo uso delle scarpe da ginnastica stile hogan,ma mi piacerebbe tanto trovare delle Oxford che non mi facciano sentire Pippo.

    • Sto preparando un post proprio su questo argomento 😉 Lo pubblico domani 😉

      • monica

        Grazie Anna! ❤

  • Emanuela

    Da quando ho scoperto queste scarpe le adoro! Ne ho un paio bordeaux e un paio marroni. Mi piacciono soprattutto marroni, a dire la verità, perché le trovo più British e si adattano con i colori dei miei vestiti. In inverno le indosso un po’ meno, specialmente se dovesse piovere a dirotto o nevicare, ma per le mezze stagioni sono perfette. Le metto anche coi pantaloni culotte.

  • Alessia Boraso

    Forse chiedo una cosa ovvia ma…che differenza c’è tra le scarpe Oxford e quelle che io ho sempre chiamato “inglesine”? Io ne ho un paio nere, valo lo stesso discorso anche per quelle?

    • Sono diversi nome per chiamare la stessa cosa,uno in inglese e uno in iraliano, come open toe e spuntate

  • Marialisa

    e’ il modello evergreen,adoro le scarpe oxford.