Come NON vestire la Triangolo Invertito
23 gennaio 2018
Come NON vestire la donna a Clessidra
30 gennaio 2018

Quali danni fanno i consigli non richiesti

La settimana scorsa mi è successa una cosa strana, così strana che mi ha fatto riflettere molto e ho fatto una diretta su Instagram per discuterne con voi.

pretty-pictures-solve-everything

Sono stata contattata in privato da una persona che diceva di fare il mio stesso lavoro e in modo molto confuso e con un po’ di errori mi diceva che aveva notato che i miei capelli erano “sofferenti, sia a livello di diradamento che di styling” e mi proponeva di chiamarla accennando a una possibile collaborazione e di andare da lei in studio che ha la soluzione per me.
Non sto a raccontarvi tutto, ma vi aggiungo, come avrete già letto quando parlavo dei miei problemi coi capelli, io soffro di alopecia andro-genetica, sono in cura da una tricologa e questo è uno dei momenti in cui i miei capelli stanno meglio in assoluto.

photographyoffice

La mia reazione a questi messaggi è stata molto brutta, è come se camminando per la strada uno sconosciuto vi approcciasse andando a infilare il coltello in una delle vostre peggiori ferite, che tenete coperta, che sta quasi quasi guarendo, che tutti i giorni vi fa un pochino male, e ci gettasse pure del sale sopra. Io mi sono sentita urtata proprio nel più profondo, attaccata senza ragione, posta di fronte ad uno dei miei problemi più antichi e soprattutto irrisolvibili come se tutti i progressi fatti non ci fossero e i miei capelli fossero 10 volte peggio di come sono adesso.

pin

È successo a me e ho reagito, prima giustificandomi poi arrabbiandomi e infine constatando che i progressi non erano spariti erano tutti attaccati sulla mia testa.

Può succedere a tutte, perché c’è gente nel mondo che per lavoro o per hobby va in giro a dare consigli non richiesti a partenti, amici e anche sconosciuti. È quella vecchia zia che ti dice che non devi metterti le gonne perché hai le gambe grosse (eh allora?), quell’amico di infanzia che da quando hai 10 anni ti dice che devi dimagrire (meglio grassa che maleducata), quella collega che sindaca su quello che mangi (guarda nel piatto a tuo), la conoscente che inorridisce se prendi gli antibiotici (laureata in medicina per corrispondenza?).

handcraftedinvirginia

Poi c’è anche chi fa un lavoro molto delicato come il mio, da cui le persone vanno per farsi consigliare quando hanno bisogno di aiuto per superare una difficoltà. Ci vuole un po’ di presunzione per fare la consulente l’immagine, bisogna credere di poter avere la risposta a tutto e di essere in grado di aiutare chiunque. Questa presunzione deve però essere soffocata da tanti strati di empatia, dolcezza e umiltà, per comprendere le difficoltà altrui e con molta gentilezza prospettare una soluzione. A me piace proprio questa parte del mio lavoro, quella in cui la persona di fronte a me si mette un po’ a nudo coi suoi problemi e io li accolto e li coccolo come se fossero dei pulcini.

NichoalsBellPhoto

Ma non tutti lavorano così e questo mi spaventa, ci sono persone come la signora che mi ha contattato che vanno avanti come un carro armato, che quando spieghi che no non chiamerai, che quello è un argomento delicato e che non l’ha approcciato nel modo giusto invece che fare un passo indietro premono sull’acceleratore. Poi buttano un po’ di fumo negli occhi e ti dicono ma senza spiegare veramente che devi andare da loro, che loro faranno il miracolo e che tutta la tua filosofia basata sull’accettarsi e amarsi è sbagliata, anzi è una teoria che ti sei costruita per giustificare il fatto che hai un problema che non puoi/vuoi risolvere. (WHAT!!?!).

grevys

La signora in questione (l’ho scoperto dopo studiando su internet perché lei non me lo voleva dire e non vi dico per chi lavora ovviamente) mi proponeva un trattamento che si chiama infoltitore, praticamente creano una protesi polimerica su cui cuciono capelli d’altri e ve la attaccano alla testa. Va più che bene per chi ha zone in cui i capelli non crescono più o quasi più, non nel mio caso. Avrebbe fatto più bella figura ad approcciarmi “Ciao, ho visto che nel tuo sito parli del fatto che hai l’alopecia androgenetica, vuoi venire qui a vedere come la risolviamo?” Magari ci sarei anche andata, magari ci avrei anche fatto un post perché penso che la divulgazione su questi temi sia molto importante, ma dopo il suo “no, non chiedere alla tua tricologa che ti scoraggia, vieni direttamente su!” (WHAT?!) se mai dovrò fare qualcosa del genere andrò dalla concorrenza.

artifactuprising.com

E quindi si, c’è gente che fa questo delicato lavoro così, come se io andassi per la strada fermando le donne con un “Sai che sei vestita proprio malissimo per la tua forma del corpo, vieni da me e pagami che ti sistemo” se mi dessero un ceffone farebbero solo che bene. Io penso sempre che le persone fanno il meglio che possono fare in quel momento, se si accorgono di avere bisogno di aiuto, e hanno il tempo e anche lo spazio mentale per affrontare il cambiamento che ne consegue io sono felicissima di poterle aiutare. Ma se sono felici con la tuta over size o anzi se non sono felici nel loro abbigliamento, ma al momento non hanno le forze o la voglia di affrontare il problema chi sono io per andare a molestarle?

flickr

Tutto questo per dirvi che se ricevete questo genere di attacchi dovete difendervi, sono attacchi puri e semplici di chi nemmeno messo di fronte all’evidenza smetterà di colpirvi. Ma soprattutto di non farli a vostra volta, di mordervi la lingua se ve ne viene voglia e aspettate il momento che la persona accenna di sua spontanea volontà al problema, in quel momento sì potete proporre la vostra soluzione, ma sempre con un po’ di umiltà e ricordando che non conoscete mai tutta la realtà. Vi è mai capitato di ricevere questo tipo di consigli non richiesti? Come reagite di solito?

0
  • flafla

    Che schifo di gente che circola! Questa si è smascherata facilmente perché dietro c’è uno scopo marcatamente commerciale, ma di rifiuti umani simili ne esistono anche senza scopo di lucro. Gente che elargisce consigli non richiesti, che si sente “maestrina”, che si impiccia dei fatti degli altri, invadente e maleducata. Per me è gente sfigata, infelice, piena di problemi e che riversa le proprie frustrazioni sugli altri. Io e te non siamo ragazzine, abbiamo una certa autostima, ma se una strega simile incontra una ragazza molto giovane o una donna fragile può farle davvero del male. Qui torniamo sull’autostima e su quanto è importante che venga trasmessa in famiglia, facendo crescere persone equilibrate, non prevaricatrici e nemmeno deboli di fronte ai prevaricatori. Ed è importante sviluppare nei giovani anche il senso critico: quante persone piuttosto che a un medico credono a venditori di fumo che diffondono bufale in rete? Anche l’attuale discorso sui vaccini o su cure non ufficiali (e dannose) rientra in questo ambito.

  • lilia

    brava Anna, mi hai dato un’altra bella lezione di vita, sei molto saggia per la tua giovane eta’! Io ci sto arrivando alle soglie dei cinquant’anni a capire che comportamenti scorretti di certe persone li avrei evitati se non avessi avuto mie mancanze… come dare ragione a loro…

  • ELENA 62

    Io mordo, e non potendo farlo con i denti lo faccio con le parole…
    Prima ascolto perché mi può arrivare anche qualche consiglio utile, non si sa mai, poi all’occorrenza contrattacco in modo mordace, appunto. Mi sono sentita ferita molte volte e anche infastidita di dare ad altri il potere di ferirmi, soprattutto quando il problema evidenziato mi fa effettivamente star male.
    Da ragazza quante volte ho spiegato che no, non potevo fare gli occhiali da vista più carini perché la mia miopia che sfiorava all’epoca 7 diottrie di correzione non permetteva lenti leggere e montature sottili come avrei desiderato!
    E sì, le lenti che portavo erano le meno spesse e la montatura doveva essere grande per avere più campo visivo…insomma, mi son fidata della laurea dell’oculista e del diploma dell’ottico, trovandomi bene ma ingollando amaro a ogni battuta “quattrocchi in vetrina”!
    Le lenti a contatto a 18 anni son state una liberazione 😀
    Dei commenti sul mio peso poi non ne parliamo, da “sei troppo secca ma mangi” a “guarda come sei ingrassata fai qualcosa” mi hanno dato la sensazione di non andare mai bene.
    Per quanto riguarda il lavoro poi…
    “ma fai questo, fai quest’altro, perché non fai…” vabbè, mi fermo qui per quanto riguarda me ma vorrei aggiungere che tu Anna sei stata effettivamente molestata da quella donna, che ha dimostrato scarse capacità e nessuna sensibilità.
    Perciò non sentirti in colpa se la tua reazione è stata brusca, un sonoro vaffa a certe persone è consigliato.
    Bello il nuovo sito e auguri per i preparativi per il tuo matrimonio 😘

  • Martina Godioli

    Hai ragione su tutto! Tra l’altro mi ricordo di te in un workshop dove sei stata veramente empatica con me… per fortuna c’é ancora chi é in grado di dare consigli senza ferire! 🙂

  • Anna

    Ciao Anna ! Gran bel post, ne approfitto per farti i miei complimenti per il rinnovo del blog. Per quanto riguarda il problema che hai sollevato potrei scrivere un libro. Ho un allergia molto fastidiosa nonché dolorosa che mi porta tanta sofferenza fisica e notevoli problemi che compromettono anche il mio modo di vestire….in pratica mi si formano delle vere e proprie piaghe su una parte del corpo che d estate non ho più voglia di coprire perché con 50 gradi soffro Ancor a di più. Ne soffro da 20 anni e ogni volta c è qualcun o che me lo ricorda : ” Madonna ma cos é??? Perché non fai qualcosa ? Etc.. Etc . ..” Io risponderei : genio della lampada secondo te non ho consultato un medico ? Che dico un o? Cento! Cosa devo dirti che manco la comunità scientifica sa un bel cavolo di nulla su questo problema se non prescrivere farmaci che ti allievano il problema 1 ora e poi soffri come un cane per tutto il tempo restante??? Devo spiegarti 20 anni di prove, studi , esperienze provate sulla mia pelle? Anna vorrei rispondere così ma poi abbozzo. Abbozzo e dico che certo mi curo ma devo convivere con questo problema e basta. Nel tuo caso è stato tutto più ” crudele ” in quanto al soggetto in questione prudeva la faccenda vendita. E comunque io non me la prendo più ….ho capito che non c è empatia non c è sensibilità ….io so che dietro una persona c è un piccolo grande universo ….ma non tutti lo sanno….ciao Anna

  • *fra*v*

    Ma guarda… proprio un paio di giorni fa ho ricevuto un paio di consigli non richiesti dai miei coinquilini/e, persone simpatiche e, per quello che ne so, benintenzionate, ma… poco sensibili a questo genere di cose, temo. “Mettiti le lenti a contatto anziché gli occhiali” (le ho provate, anni fa, ma non sono adatte ai miei occhi e alla mia vista, e poi io con gli occhiali mi piaccio di più), “Fatti crescere i capelli” (eh, no, questa no! Ci ho messo anni a trovare il coraggio di portarli come piacciono a me, cioè a pixie, e ora me li voglio godere così finché ne ho voglia ^_^ ), “Devi essere più sicura di te, perché non ti manca niente” (allora già che ci sei potresti pure evitare di stare a puntualizzarlo). Di solito rispondo in modo gentile e ragionato, però mi sento molto attaccata e respinta quando ricevo questo genere di commenti! P.S. Che svolta questo nuovo sito!

  • Simona

    Ciao Anna, mi ha colpito davvero il cuore il tuo post. Mi sposo tra qualche mese e non immagini quanti consigli non richiesti (dati con le migliori intenzioni) ho ricevuto. Mi hanno messo così tanta confusione che sono caduta per qualche settimana nel panico più totale e ho smesso di organizzare tutto. Ma credo di aver risolto: mi fermo, faccio un bel respiro, chiudo gli occhi e penso solo a ciò che piace a me e agli altri un caro “grazie, ci penserò”. Nessuno può sapere ciò di cui abbiamo bisogno meglio di noi stessi, e abbiamo il sacrosanto diritto di vivere la nostra vita a modo nostro. Grazie per aver condiviso la tua esperienza 🙂 Simona

  • Darkcoffeecup

    Ciao Anna, di solito reagisco molto male. Soffro di linfedema primario alle gambe, praticamente da tutta la vita. Non so dirti quante estetiste, quanti istruttori sportivi e quanti perfetti sconosciuti abbiano provato a farmi credere di avere “La Cura”. Che non esiste.
    Di poter trasformare i miei lunghi, dritti, muscolosi ma decisamente sgraziati “tronchi d’albero” nelle gambe di Barbie.
    “Ma cielo, che orrore! Ma lo sai che le hai proprio brutte? (No, non lo so, ci convivo da sempre ma non me ne sono mai accorta).
    Devi essere una persona coraggiosa, ad andare avanti lo stesso… (anche tu col tuo cervellino da passerotto, cara: quello sì, che da avere è un problema).
    Saresti tanto carina, senza quelle gambe…. Ma devi fare qualcooooosa (perché sai, se ci fosse stato da fare qualcosa, non pensi che a quest’ora l’avrei già fatto?).
    E così via.
    Da tutta la vita…

  • a.mindoli

    Sì, mi è capitato eccome!! Sia dal punto di vista estetico, che riguardo la mia salute. Inutile fronteggiare certa gente alzando le spalle, ho notato che se gliele canto, prima di girare i tacchi, li azzittisco, perché non do loro tempo e modo per replicare!

  • Alessia

    Secondo me la signora non ti ha scritto dopo avere visto le tue foto, ma deve aver letto il post in cui tu parli dei tuoi capelli e sapeva pertanto di andare a colpo sicuro. Lo penso perché al contrario io, guardando le tue ultime foto, come ad esempio quella in cui chiedi consiglio sui capelli in vista del matrimonio, ho pensato che avessi dei bei capelli e che avessi risolto il tuo problema…
    Alessia

  • Sissi

    Ho occhiaie genetiche molto scure e infossate sin da bambina, quando sono truccata è tutto un “ma perchè? hai un viso così fine, non ne hai bisogno, sei una bellezza naturale”…quando non ho il correttore o il fondotinta: “ma cosa ti è successo??stai male? mangi? dormi? sei di sicuro anemica o in grave carenza vitaminica!!!! non è NORMALE avere delle occhiaie come le tue!”…purtroppo ho sempre vissuto in piccole comunità dove tutti si sentono in diritto di fermarti per strada e dirti la loro opinione, persino alcuni professori di medie e liceo si sono messi a discutere direttamente dalla cattedra con il resto della classe del mio pallore e contorno occhi! Ora mi faccio una risata o rispondo per le rime con ironia ma ai tempi mi ferivano molto, mi sentivo invasa dalla loro prepotenza

  • Marina Francini

    A parte i commenti sulla maleducazione della tipa, io non avrei mai notato che hai problemi con i capelli, che vedo normalissimi!

  • Cami

    Ciao Anna. Mi dispiace davvero moltissimo 🙁 Probabilmente questa “consulente d’immagine” non aveva cattive intenzioni nei tuoi confronti, ma semplicemente non era consapevole, come purtroppo molte persone del resto, del fatto che un consiglio non voluto può ferire addirittura quanto un insulto.
    Hai tutto il mio sostegno e, mi raccomando, NON dare MAI la soddisfazione a queste persone di vederti soffrire. ❤