Mela a Vaso: approfondimento e confronti

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 16528
  • Commenti
  • Stampa
16528

Sapevo che l'inserimento di una nuova forma avrebbe creato delle crisi di identità in molte di voi. Un po' perché una forma "nuova" attira di più, sembra che abbia tutti i nostri difetti (i pregi non li guardiamo molto) e porta tutte le indecise a identificarsi con essa, un po' perchè questa era particolarmente difficile da spiegare.

Ho deciso, date le vostre copiose domande nei commenti, di fare una sorta di confronto tra la mela a Vaso ed altre forme con cui potreste avere dei dubbi.

Per prima cosa ringraziamo tutte P. che è stata consì gentile da permettermi di utilizzare la sua foto e farci vedere com'è una mela  a Vaso in carne ed ossa. Ricordo che la mela a vaso è molto rara, e che ha uno scalino tra le maniglie dell'amore e la vita molto marcato, più di quanto lo vedete nel disegno, proprio come nella foto. Inoltre ingrassa principalmente nelle maniglie e nel sedere che resta però piatto.

a1sx2_Thumbnail1_melavaso_vera2.jpg

Vediamo anche le forme che hanno generato in voi i dubbi, per vedere che differenze ci sono.

La Mela a Vaso e la Pera hanno in comune alcune cose: il punto vita stretto, il torace minuto e il seno piccolo. Ma le cose che le rendono diverse sono molto più evidenti e marcate. Il punteggio più largo della mela a vaso sono le maniglie, come ciascuna mela, quello della pera è molto più basso più o meno dove finisce il sedere. Le gambe della mela a vaso sono a cono verso l'alto, quelle della pera sono tonde anche lateralmente, il sedere della mela a vaso è piatto, quello della pera rotondo. I fianchi della pera sono più larghi delle spalle, per la mela a vaso non è così. I polpacci della mela a vaso sono abbastanza fini, quelli della pera no. Ma soprattutto la pera non ha le maniglie dell'amore evidenti, se le vengono, dopo aver preso tanto peso, non si notano molto perché i fianchi sono più larghi, e non ha nessuno scalino tra vita e maniglie, nemmeno se ingrassa molto.

a1sx2_Thumbnail1_melavaseo_pera.jpg

Tra la mela a vaso e la mela a 8 le differenze sembrano più sottili, vuoi perché hanno lo stesso costumino verde. Entrambe sono mele con un po' di punto vita, entrambe sono proporzionate tra spalle e bacino e hanno il sedere abbastanza piatto. Ma soprattutto entrambe ingrassano sulle maniglie dell'amore. Le differenze anche per loro sono molto evidenti, il torace della mela a 8 è largo e possente anche quando è magra, così non è per la mela a vaso che ha un busto più piccolo, soprattutto dalle costole. Il punto vita della mela a 8 c'è ma si vede poco, quello della mela a vaso è invece abbastanza stretto e si nota a contrasto con le maniglie. Le maniglie della mela a 8 si fondono con il torace e se ingrassa molto si notano meno, quelle della mela a vaso sono molto in evidenza e lo scalino resta.

a1sx2_Thumbnail1_melavaseo_a8.jpg

Tra la mela a vaso e la clessidra le differenze sono molte di più, ma meno puntuali, tutta la figura ha proprio una forma differente. La figura della clessidra infatti non ha stacchi, le sue curve proporzionate sopra e sotto proseguono rendendola sinuosa, le maniglie come nella pera ci possono anche essere ma non si notano, perché seguono le curve della figura che si è allargata anche da altre parti. La mela a vaso invece ha questo stacco forte e queste sproporzioni: gambe che si assottigliano su fianchi larghi, busto stretto su spalle ampie e maniglie importanti, le sue gambe formano un cono, quasi geometrico, mentre quelle della clessidra assomigliano di più a una pera rovesciata, che si allargano e poi si restringono.

a1sx2_Thumbnail1_melavaseo_clessidra.jpg

Spero che questo post vi abbia chiarito un po' più le idee e vi permetta di capire se davvero siete delle mela a Vaso. Vedremo presto gli abiti giusti per questa variazione.

0
Taggati su: Donna Mela Mela a Vaso
blog comments powered by Disqus