I'am not ashamed of my body

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 4038
  • Commenti
  • Stampa
4038
Vergogna: "Sentimento di colpa o di umiliante mortificazione che si prova per un atto o un comportamento, proprio o altrui, sentiti come disonesti, sconvenienti, o indecenti." Nemmeno il dizionario riporta alcun riferimento al non essere all'altezza, non rispettare alcuni standard, non essere abbastanza belli, alti, magri... E ho controllato, no, con indecenti non si intende che non si è abbastanza belli, ma solo contrario al decoro, o scandaloso. Mettersi le dita nel naso a cena è indecente, avere qualche brufolo in viso. Anche perché la vergogna si applica alle azioni, mettersi le dita nel naso è un'azione, avere i brufoli no.

Eppure la vergogna è associata al corpo in modo saldo e quasi insormontabile, poche donne sono così a proprio agio con il proprio corpo da non vergognarsene mai, non vergognarsi di mostrarsi in costume, o senza trucco, non vergognarsi del rotolino sulla pancia o delle braccia che osano assoggettarsi alla forza di gravità.

a1sx2_Thumbnail1_not_ashamed.jpg


Ci hanno insegnato che a un certo punto della nostra vita saremo abbastanza magre, abbastanza belle, abbastanza toniche, abbastanza, da essere in grado di mostrarci senza vergogna. Crescendo forse abbiamo capito che questo non accadrà, e che se accadrà quella sensazione di vergogna è indipendente dall'ottenimento del fisico desiderato.
 
Il motivo per cui ci vergogniamo è sbagliato, avere la pancia è una colpa? La colpa di non essere in grado di buttarla giù? E come si fa per quelle cose che non si possono cambiare? Le gambe storte, il seno piatto, i capelli crespi, il naso grosso, sono colpe? La genetica ce le ha date e noi ce ne vergogniamo, perché? Perché ci dicono che dovremmo, le riviste, i film, la pubblicità, in italia più che all'estero ci mostrano solo donne quasi perfette, e noi crediamo di essere anormali.

a1sx2_Thumbnail1_not_ashamed_2.jpg
Vi ho chiesto cosa si può fare per cambiare questa cosa, perché le nostre figlie non si vergognino di loro stesse già a 11 anni, poi i progetti di Whinety e Ebonnie mi hanno dato un'idea. Un'idea per cui mi dovete aiutare. Vi chiedo, come ho fatto io, di farvi una foto con la scritta: I'm not ashamed of my body (non mi vergogno del mio corpo). Potete scriverla su un foglio, su una mano, potete mostrare il vostro volto o no, potreste crederci già, oppure solo scriverlo come augurio. L'importante è che lo scriviate, condividendolo su qualunque social network vogliate con l'hashtag #donotbeashamed. (Non vergognarti).
Se saremo abbastanza il messaggio potrebbe cambiare qualcosa. Raccoglierò poi le vostre foto in un post.
 
Allora chi ha voglia di urlare con me che non abbiamo nulla di cui vergognarci?

a1sx2_Thumbnail1_not_ashamed_3.jpg
0
blog comments powered by Disqus