Esercizi di autostima

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 5045
  • Commenti
  • Stampa
5045
Lo sappiamo bene, noi donne siamo le nostre più grandi nemiche, passiamo la vita a criticare i nostri difetti e ad inventarcene di nuovi, a minimizzare i nostri successi e a deprezzare le nostre capacità. Più donne incontro, ai corsi, via mail o anche solo nella mia vita off-blog, più mi si sta formando la convinzione che la superbia sia un vizio prevalentemente maschile, e solo una donna su cento si stimi e si tratti meglio di quanto vale. Le restanti 99 perdono tanto tempo a dire quanto sono ingrassate, o quanto poco sono brave a fare qualunque cosa. Non si tratta solo di mania di perfezionismo, si tratta più che altro di paura che gli altri si aspettino troppo da noi, o anche solo un criticarsi per prevenire le potenziali critiche altrui.

a1sx2_Thumbnail1_esercizi_autostima_5.jpg
media-cache
Se fatto una volta ogni tanto può anche essere un meccanismo di difesa accettabile, ma se adottato costantemente elimina ogni possibilità alla nostra autostima di crescere, e ancora peggio cambia l'opinione che gli altri si fanno di noi. Se vi presentano una donna, carina e capace, che però passa il tempo a dire che è un barilotto e che sì, ci capisce qualcosa, ma di certo non è brava come le colleghe, la sua idea di se stessa vi convincerà, chi meglio di lei può saperle la verità, no?
Se vi capita troppo spesso di indugiare in questo atteggiamento ho qualche proposta da farvi per limitare i danni:
 
  • Quando vi fanno un complimento l'unica cosa da dire è "Grazie" tutte le altre parole sono inutili da "Ma no, cosa dici che sono ingrassata" a "Ma no, è merito dei pantaloni neri/tacchi/leggings push up."
  • Quando dovete dire una cosa positiva di voi non iniziate con una negativa, la gente non darà alcun credito alle vostre parole, "Io di mobili non capisco niente, ma quelli di mia nonna sembrano solo vecchi non antichi" non c'è bisogno della premessa "I mobili di mia nonna sembrano solo vecchi non antichi" è la stessa frase, ma positiva. C'è chi usa questa premessa anche in campi in cui è preparata, e la usa per paura che qualcuno la contraddica, ma automaticamente svilisce tutte le sue capacità.
  • Per i momenti in cui vi ritrovate ad alta voce a dire: "Ah, ma io sono sempre un disastro/ma io sono un botolo/ma ho dei capelli terribili e faccio schifo" vi prescrivo un compito a casa. Per ogni "scomplimento" dovete farvi un complimento, e non vale se resta nella vostra testa, bisogna dirselo ad alta voce o scriverlo. Può essere una cosa semplice: "Ho delle belle mani" "Sì è vero che i capelli sono terribili, ma in realtà a quasi 60 anni sono ancora tutti neri tranne qualche filo grigio sulle tempie"
a1sx2_Thumbnail1_esercizi_autostima_6.jpg
carolinegault
 
È importante coccolarci e trattarci bene, perché critiche, estetiche e non piovono da ogni parte a volte dalle parole di un collega o un compagno, altre da immagini pubblicitarie, e siamo noi a dover costruire la nostra corazza di modo che solo le critiche utili penetrino, mentre il commento su quanto poco o troppo mangiamo o sul colore del nostro ombretto rimbalzi e non ci ferisca.

a1sx2_Thumbnail1_esercizi_autostima_4.jpg
carolinegault


0
blog comments powered by Disqus