Scozia: Edimburgo, Crail e St.Andrews

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3884
  • Commenti
  • Stampa
3884
Quando siamo arrivate a Edimburgo io ero parecchio frastornata, venivo da 5 ore di sonno molto agitato, 3 di pullman, 2 di aereo e ancora tutto lo stess lavorativo annidato nel cervello. Edimburgo mi ha accolto in modo strano, ma molto liberatorio, mi ha fatto respirare, frastornata di guardavo intorno, stanca e con le gambe pesanti facevo anche fatica a orientarmi con la cartina (io che di secondo nome faccio TomTom), ma piano piano respirando mi sono ripresa. Ad ogni insiro sentivo il mal di testa affievolirsi, ad ogni espiro la cervicale tornava all'attacco, l'aria era fresca e pulita, aria di mare più pulita, mia madre afferma che respiravo meglio per l'assenza della parietaria (una graminacea a cui mio padre è allergico e io non so), ed in effetti tornata qui mi manca respirare così.

a1sx2_Thumbnail1_edimburgo1.jpg

a1sx2_Thumbnail1_edimburgo2.jpg

 

a1sx2_Thumbnail1_edinburgo3.jpg
La città è bella, strana e particolare, come le città che piacciono a me. L'Artur Seat che ci guardava dall'alto come un drago addormentato e Calton Hill nelle luci del tramonto davano un'impressione un po' irreale e spettrale a tutta la città. Ma la presenza del festival e i negozi di New Town la vivacizzavano moltissimo.
Dopo aver visitato il castello, la Old Town e la New Town (specialmente i suoi negozi), abbiamo ritorato la macchina affitata e la mattina del terzo giorno ci siamo avventurate alla scoperta della costa orientale.

a1sx2_Thumbnail1_edinburgo4.jpg

a1sx2_Thumbnail1_edimburgo5.jpg

a1sx2_Thumbnail1_edinburgo15b.jpg

a1sx2_Thumbnail1_edimburgo6.jpg

a1sx2_Thumbnail1_edinburgo7.jpg

La vacanza ha preso sin da subito una piega ben precisa: il cibo non doveva mai mancare, i castelli ci piacevano solo se diroccati, e eravamo sempre perennemente in ritardo, colpa del fatto che la cucina dei locali chiudeva alle 9 (quindi l'ansia di non trovare da mangiare era palpabile).

a1sx2_Thumbnail1_scoziatour01.jpg

Prima tappa è stata Aberdour (che mi ricordava tanto un nome del signore degli anelli) e il suo castello appunto diroccato dal quale si vedeva Edimburgo.

a1sx2_Thumbnail1_aberdour.jpg

a1sx2_Thumbnail1_aberdour2.jpg

a1sx2_Thumbnail1_aberdour5.jpg

La seconda tappa della giornata era il piccolo paesino di Crail, nel quale avevo visto ci sarebbe stato un baracchetto che vendeva dei panini con il granchio, che purtroppo erano finiti (come la Torta di Riso, dato che l'ospitalità ligure non ha molto da invidiare a quella che ho percepito in scozia) e ci siamo accontentate del Granchio-Vestito, buono ma freddo di frigo mi è rimasto sullo stomaco fino a cena. Il piccolo paesino di Crail è davvero bella, ed estremamente particolare perché molto arroccata, davvero diversa da tutti i paesaggi visti fin'ora e anche dagli altri paesini scozzesi.

a1sx2_Thumbnail1_crail2.jpg

a1sx2_Thumbnail1_crail.jpg

a1sx2_Thumbnail1_crail10.jpg

a1sx2_Thumbnail1_crail8.jpg

All'alba delle 16:30 finalmente abbiamo raggiunto a St. Andrews, giusto in tempo per non poter salire sulla torre della cattedrale (diroccata che se non non ci piace) per qualche furbissimo italiano aveva infilato troppi gettoni nel tornello che si era inceppato, siamo riuscite così però a visitare il relativo castello (anche'esso diroccato) praticamete da sole all'orario di chiusura ed anche a infilarci un pochino nelle miniere sotto di esso.

a1sx2_Thumbnail1_standrews2.jpg

a1sx2_Thumbnail1_standrews4.jpg

a1sx2_Thumbnail1_st_andrews.jpg

a1sx2_Thumbnail1_standrews6.jpg

a1sx2_Thumbnail1_standrws.jpg

Da lì di corsa ci siamo precipitate a Inverness, con succulenta pausa per cena vicino Pitlocry, per non far infuriare troppo la proprietaria del B&B che ci aspettava in piedi e avrebbe voluto andare a nanna alle 9.

0
Taggati su: Scozia Vacanze Viaggi
blog comments powered by Disqus