Un mese senza jeans

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 12174
  • Commenti
  • Stampa
12174
Finalmente sono riuscita ad andare a Milano e come tappa fondamentale era programmato il negozio di GAP, l'unico in cui sia mai riuscita a trovare un paio di jeans per me. Appena entrata ho iniziato a caricarmi le braccia con diversi modelli, sì perché svasati in fondo ce n'era più di uno, più precisamente i boot cut, i sexy boot, e i curvy. Di tutti ho preso la 30 e la 28 dato che la mia taglia in teoria è la 29, ma purtroppo non la fanno, e mi sono apprestata alla sauna del camerino. Dopo lunga meditazione mi sono decisa per i curvy, anche i sexy boot mi stavano molto bene ma assomigliavano troppo a quelli della GAP che già possiedo. I boot cut erano a vita più alta e quindi troppo larga per me. Nonostante fossi felice di aver trovato per 35€ il secondo paio di jeans in 2 anni, non posso non raccontarvi l'inquietudine dell'immagine che lo specchio rimandava del mio lato B. Indossavo infatti una maglietta nera, che avevo arrotolato sopra la vita per osservare meglio come cadevano i jeans, il che non faceva altro che rimpicciolire enormemente il busto rispetto al fondoschiena. Mi sentivo come se indossassi una extra small di torace contro una 46 di fianchi. Non che ci abbia meditato molto, ho solo esclamato: "Quanto meglio ti sta la gonna Anna!"
Pochi giorni dopo poi ho indossato la stessa maglietta nera con una gonna color fango leggermente svasata a vita alta, lo specchio mi ha rimandato un'immagine completamente diversa, di una ragazza magra che indossa al massimo una 42, o forse anche meno.

Questo lungo preambolo per dirvi che se non fossi stata costretta dagli eventi a lasciar da parte i jeans, non avrei mai saputo come mi stanno bene le gonne e non so nemmeno se avrei mai iniziato a scrivere su un blog. I jeans infatti sono la nostra copertina di Linus, ci proteggono dagli sguardi altrui, nascondono le nostre gambe, ci evitano il problema di pensare agli abbinamenti e sembrano adatti per ogni occasione.
Una combinazione di pigrizia e insicurezza ci impedisce così di provare altri capi, adattarli a tutti i giorni, capire quali ci donano, scoprire un look che ci rispecchia di più, sentirci a nostro agio in occasioni più formali. Già perché se si indossano sempre i jeans è normale che la volta che si è costretti dalle convenzioni a indossare una gonna o un pantalone non ci si sente se stessi, o non si sa come abbinarli.

Così mi è venuto in mente di proporvi una sfida, che potrà cogliere chi si sente davvero stufo dello stesso look ma non riesce a darsi uno scossone. Passare un mese senza jeans, indossare la gonne o i pantaloni per andare al lavoro, vestitini la sera, pantaloni cargo per andare per funghi o ripulire il casolare di campagna. Io ho vissuto senza indossare mai i jeans per 3 anni, vi assicuro che è possibile e ci sono tanti capi, anche sportivi che li possono sostituire.
Certo scartando i jeans la mattina si deve prestare più attenzione agli abbinamenti, ma una gonna nera o un pantalone nero sono altrettanto facilmente abbinabili, oppure potete scegliere un sotto più colorato e utilizzare solo il colore base per il torace. Gonna nera e maglione collo alto rosa, gonna Bordeaux e maglione nero, pantaloni beige e cardigan marrone. Non ditemi che è difficile. Oppure ditemi cosa vi risulta difficile che troveremo una soluzione anche per quello.

Il look senza jeans di Global street snap

Il look senza jeans
Per chi davvero non riesce a credere di poter resistere un mese intero senza jeans vi consiglio la versione breve, ma a lungo mantenimento (come una dieta) scegliete un giorno fisso a settimana in cui non indossare mai i jeans. Così facendo almeno quel giorno vi dovrete sforzare per scegliere qualcos'altro, se non avete tempo potete anche preparare l'abbinamento la sera prima di modo da non andare in panico il mattino. Sarebbe preferibile se fosse un giorno feriale.

Il look senza jeans di Classy Girls wear Pearls
Il look senza jeans di Purses and i
Vi assicuro che se sceglierete l'opzione drastica di un mese senza jeans sarà dura poi tornare indietro. Infatti capirete cosa vuol dire stare tutto il giorno seduta con una morbida gonna che vi accarezza la pancia invece che un rigido jeans che ve la schiaccia, scoprirete che indossando la giusta gonna si possono fare le stesse cose che con i jeans, che le calze in microfibra scaldano moltissimo e che i pantaloni neri a sigaretta sono perfetti per far risaltare il maglione d'agora, anche se poi li riempie di pelucchi.
Fatemi sapere se qualcuna raccoglie la sfida, e ricordate che all'inizio non sono importanti i riusciti abbinamenti, l'importante è che siano semplici e vi consentano di impratichirvi.
0
blog comments powered by Disqus