Il Reggiseno Giusto: come mi misuro?

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 37207
  • Commenti
  • Stampa
37207
Adesso che sappiamo che per il nostro reggiseno possiamo fare di più vediamo gli step che ci consentono di dargli il rilievo che merita. Il primo tra tutti, metro alla mano, è capire almeno indicativamente di che taglia possiamo avere bisogno una volta iniziata la caccia.
Magari avete già letto come misurare il vostro seno in tutte le salse, ma io nonostante ciò commettevo degli errori e quindi non riuscivo a capire quale fosse realmente la mia taglia. 

Vi serviranno un metro, uno specchio e possibilmente un'amica. Specchio o amica servono perché quando vi misurerete dovrete fare attenzione che il metro sia dritto, parallelo al pavimento alla stessa altezza davanti e dietro.
 
La misurazione dovrà essere compiuta indossando il nostro reggiseno migliore, non imbottito e quello con cui ci sentiamo più a nostro agio, con seno non schiacciato e nemmeno troppo cadente, dove insomma la coppa è abbastanza giusta. E qui era dove io sbagliavo, misurando il seno senza reggiseno mi risultava una coppa troppo piccola.


Iniziamo a misurare il sotto seno, facendo scorrere il metro sotto al bordo del reggiseno, parallelo davanti e dietro. Fate attenzione di non star trattenendo il respiro o gonfiando il torace, non sollevate troppo gli avambracci o il torace di allargherà acquistando anche qualche centimetro. Appuntate la misura su un foglio, il mio giro torace è 75 cm.

Adesso passate a misurare il giro seno, ad altezza dei capezzoli, anche in questo caso non allargate il torace ne tendete troppo il metro per non schiacciare il seno, controllate sempre che il metro sia alla stessa altezza davanti e dietro. Appuntate di nuovo la misura, la mia è 88cm.



Bene, ora che abbiamo entrambe le misure cosa ci facciamo? La prima misura ci permette di trovare la taglia del sotto seno, questa però varia a seconda delle marche ma molte marche hanno la tabella di conversione  per la Parah io per esempio sono una 85 o 2, altri mi dicono che ho una 3, altri la 34. Il tutto dipende dalla vestibilità della marca e quindi abbiamo due scelte: o ci presentiamo in negozio con a mente i nostri 75cm e orientativamente provando taglie intorno a quella o ci informiamo prima di che vestibilità ha la tal marca e come converte le sue taglie.
 
A questo punto viene il problema della coppa. Il metodo che mi è stato suggerito per individuare la coppa è semplice: sottrarre la misura del sottoseno a quella della coppa e dividere per 5. Ogni 5 cm di differenza infatti si sale di coppa, partendo dalla AA se non c'è differenza.
Io quindi dovrò fare: 88 - 75 = 13 cm. Con una differenza di 13 cm sono a metà tra la B (10 cm) e la C (15 cm), e per esperienza so che mi trovo meglio con la B perché la C non la riempo a sufficienza.
 
Ricordate quindi che non c'è un'unica taglia che vi caratterizzerà in eterno, come non c'è per gli abiti. Infatti sapete ormai che non potete entrare dalla Rinascente esclamando "Io sono una 42!" pensando che tutti gli abiti di tutte le marche taglia 42 vi stiano bene, lo stesso (mi ripeto) vale per i reggiseni. Potreste essere una 2B per la sloggi, ma una 36B per Oysho, e una 2C per Passionata, presto vi saranno forinit anche tutti i dettagli di come scegliere il reggiseno e valutarlo mentre siete in camerino.

 

0
blog comments powered by Disqus