Ultimo Shopping: saldi e viaggi

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 3006
  • Commenti
  • Stampa
3006
Mi piace parlarvi dei miei acquisti, sia perché è un po' come fare shopping una seconda volta sia perchè è divertente la storia che c'è dietro ciascun acquisto.
Non ho fatto molto shopping quest'estate, non amo i saldi estivi avanzati, i negozi tirano fuori le cose di stagioni passate, magari anche di 5 anni fa e le buttano alla rinfusa sugli scaffali.  Benetton per esempio è maestra in questo e per questo motivo non ci entro nemmeno, altrimenti mi ritroverei a fissare quell'accozzaglia di vestiti dai colori più infelici, che pendono mal piegati dagli scaffali, perchè sono talmente tanti che le commesse non hanno il tempo per fare ordine. Lo so, è un mio limite, ma quando le cose sono mal disposte mi sembra sempre che non ci sia nulla di carino.


http://25.media.tumblr.com/tumblr_m6pkns9ce21r8nb27o1_500.jpg
Lo shopping migliore infatti l'ho fatto in Spagna, più precisamente a Barcellona. Roby di Robilandia mi aveva avvisato di partire con la valigia vuota, ma io non avevo capito appieno questo suo consiglio. Siamo partiti per restare solo due notti, vedere la Sampdoria VINCERE contro il Barcellona al Camp Nou, soggiornare in un ostello cadente e fare giusto un giro della città.
 
A Barcellona ero già tornata di recente, ma mi era rimasta nel cuore già durante la mia prima visita, la gita scolastica di terza liceo. Non conoscevo però la via dove alloggiavamo, Avenida Diagonal, più o meno a metà, e con mia somma gioia eravamo in un punto strategico popolato da bellissimi negozi. L'ostello era talmente cadente (l'avevao scelto i compagni di stadio del mio fidanzato) che quando il mio fidanzato ha visto il bagno mi ha solo detto: "Ti porto a fare shopping, promesso!"
 
Così il giorno seguente la partita, dopo un giro per la città che ci ha consumato i piedi, siamo scesi nei negozi e io ho avuto il piacere di conoscere questi due marchi a me sconosciuti.
 
Uterque, dai cui scaffali questa borsa mi ha lanciato i cuoricini e io non mi sono potuta esimere dal portarla via con me.

 

 

 

 



Massimo Dutti, le cui vetrine erano strepitose e non riuscivo a credere che i prezzi fossero come quelli di Zara. Qui devo ammettere che ho provato mezzo negozio, nonostante molte cose fossero da rettangolo, e ho scelto l'unica gonna a ruota che avevano, le cui foto sul catalogo non le rendono giustizia dato che è posizionata sulle anche e non in vita, e un tenero maglioncino d'angora bianco con le perle incastonate. Purtroppo il suo taglio è dritto e quindi non si addice alle mie gonne preferite (a meno che io non riesca a metterlo dentro), ma non so resistere all'angora bianca.

 



 

 

 

Poi tornata in ostello ho guardato la mia borsa da bagaglio a mano, grossa poco più della borsa nuova che avevo comprato e ho iniziato a giocare a tetris (duududududududuuu..) e miracolosamente solo il libro è rimasto fuori. Anche se la mia borsa sembrava sul punto di scoppiare.
 
Di ritorno a Genova faceva troppo caldo per andare al mare, così il mio fidanzato si è inventato il gioco dell'armadio, di cui avete già letto, e mi ha portata a fare shopping direttamente da Max and co. In quel negozio ho comprato le mie prime vere gonne svasate che ho tutt'ora, ma da quando ho scoperto Diffusione Tessile ho difficoltà a comprare a prezzo pieno in negozio. Siamo però stati così fortunati che era rimasto un bellissimo vestito blu e ghiaccio con gonna plissettata, il plissè partiva da sotto il seno ed era abbastanza resistente da non fare troppo effetto sacco. La 40 mi cadeva alla perfezione tranne per... la sottoveste. "Ehi voi stilisti del piffero che fate le sottovesti dritte sotto gli abiti svasati, se mi capida da Promod posso tollerarlo ma da un negozio di sartoria mi aspetto di più!" Non riuscivo a farla scendere oltre le anche, ovviamente, ma ho deciso di comprarlo lo stesso, scucirla ai lati e il risultato è stato ottimo.
Subito dopo la prova di questo abito il mio fidanzato ha adocchiato una gonna a cui io non avrei mai dato una chance ma indossata era perfetta, il giusto misto tra moderno e chic.

 

Perdonate la faccia sfasciata, di ritorno dalla serate per il mio compleanno.



 

 

 

Per ultimo ho trovato le ballerine di gomma che cercavo da molto tempo. Per la modica cifra di 19 euro bianche e con un fiocco blu a pois sostituibile. Le ho già collaudate per la pioggia e sono proprio quello che ci vuole d'estate per non arrivare al lavoro con le scarpe rovinate e i piedi bagnati, ma sì, il piede suda tantissimo, infatti meditavo di sostituire la soletta con qualcosa di più traspirante e lavabile.
 
 
0
Taggati su: Shopping
blog comments powered by Disqus