Modificare un capo che non ti dona

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 4773
  • Commenti
  • Stampa
4773
Idee per modificare un modello che non ti dona.
 
Capita, più spesso di quanto vorremmo, che ci piaccia da impazzire un capo che non ci calza a pennello, qualcosa che non è fatto per la forma del nostro fisico. Molto spesso non ci si può fare niente, ma con un pizzico di creatività talvolta alcuni difetti si riescono ad aggiustare.
Una cosa che capita molto spesso, a chi per esempio ha la vita stretta, sia che sia a clessidra o a pera, è di trovare un vestito, una maglietta, una tuta che faccia difetto in vita. Il modello che cade giusto su seno e anche, ma crea uno spiacevole sbuffo di tessuto dietro alla vita, perchè in quella zona c'è più tessuto di quanto servirebbe a quella conformazione di donna. Solitamente io scarto questi capi a priori, perchè non ho mai avuto molta creatività, così sono rimasta sbalordita dal modo in cui Piperita Patty sul blog Stylebunny ha risolto questo problema. Lei ha semplicemente ristretto il vestito con un fiocco, ha applicato due strisce di nastro di pizzo sulla schiena e ha trasformato e ingentilito la salopette con poco. Come vi consiglia Piperita Patty la stessa cosa si può fare con ogni tipo di nastro e con due fiocchi o più, invece che uno.

 

 
 
 

 

 

Prima di effettuare la modifica Piperita Patty ha effettuato una prova con una molletta per vedere che effetto avrebbe ottenuto, vi consiglio di imitarla perchè non tutti i tessuti potrebbero avere lo stesso ottimo risultato!

 

 

Io sto meditando di fare la stessa cosa su un bel vestito di lino lungo a righe bianche e celesti (verticali) che mi ha lasciato mia zia. Il vestito infatti cade dritto da sopra il seno e mi fa un po' effetto signora incinta, quindi pensavo di rimediare con un fiocco celeste magari sul davanti per far in modo che il modello diventi avvitato. Non ci avrei mai pensato se non avessi visto la modifica sul blog di Piperita Patty.
0
Taggati su: handmade
blog comments powered by Disqus