Ho superato la prova costume

  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 5334
  • Commenti
  • Stampa
5334
Ho capito che la prova costume non è da fare di fronte allo specchio, non è da fare paragonandosi al catalogo di calzedonia (sono photoshopateeee), ne alle più carine della spiaggia.

 

 
 
 

 

È semplicemente sentirsi bene con il proprio corpo e accettare che non può essere perfetto. Si lo so che è la cosa più difficile che si sopra chiedere a noi stessi. Un conto è sentirsi fantastiche indossando il nostro vestito preferito, un conto è avendo il corpo coperto di solo pochi centimetri di tessuto, pallido e sotto gli occhi della spiaggia.

 

 

 

 

 

 

Eppure ieri io sono andata al mare e mi sono seduta sul bagnasciuga senza preoccuparmi di stare semi stesa per nascondere la pancia. C'è, non è nemmeno tanto grossa, e il suo soprannome è Jane (come la Austen) e le voglio bene. Non mi sono nemmeno preoccupata troppo dei miei fianchi e di come stare seduta per mostrare meno cellulite possibile.

 

 

 

 

Forse perché l'anno scorso dopo mesi sul tapisroulant ero sufficientemente fiera del mio fisico e quest'anno anche se non è più così ho mantenuto quella sicurezza. Forse perché ero con persone che non danno troppa importanza a queste cose e non hanno gli occhi giudicatori. Forse perché ero felice di fare il primo bagno a maggio, che alcune ansie si fossero calmate e di essere nella mia spiaggia preferita. Camogli.

 

 

0
blog comments powered by Disqus